Utente 507XXX
Buongiorno, sono un uomo di 47 anni e trovandomi affetto da sindrome metabolica e nevrosi ossessiva fin dall'adolescenza, mi sono rivolto ad un Centro Obesità per tentare di perdere peso. Mi sono state prescritte restrizioni dietetiche, movimento, alcuni alimenti sostitutivi e la metformina. Nell'occasione mi sono state fatte fare anche delle analisi tra cui l'esame delle urine, che recita: "tracce di emoglobina al sedimento urinario, utile citologia urinaria". A quel punto il medico mi ha prescritto "esame citologico delle urine su tre campioni con esame FISH", che recitano: (citologico) "Isolate cellule transizionali con note di atipia"; (FISH): "POSITIVO".
Detto ciò, vi lascio immaginare l'angoscia, altro che dieta, vorrei sapere qual è la strada da percorrere. PS: per i miei problemi psichiatrici non posso fare esami tipo la cistoscopia da sveglio, una volta ho dovuto fare la gastro e c'è voluta la sedazione...Tac e Risonanze, non so se riesco ad entrare nel tubo, negli ascensori non riesco....insomma sono disperato

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La maggioranza delle atipie cellulari riscontrate all'esame citologico non sono legate a degenerazione tumorale, in particolare se non vi sono altri evidenti elementi di sospetto. Pertanto non siu fasci la testa prima di cadere! Ovviamente sarà opportuno eseguire qualche ulteriore accertamento, ad iniziare dall'ecografia, che certamente non è nè invasiva nè costrittiva. Se si dovesse poi fare un'endoscopia, stia sereno che la sua situazione sarà tenuta in debito conto, eseguire uan cistoscopia in anestesia non è ancora un peccato e garantisce certamente una definizione diagnostica migliore.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 507XXX

Grazie Dottore! Mi sento leggermente più tranquillo per la sua risposta, che in effetti ricalca quella del mio medico di famiglia, un uomo di quasi settant'anni che mi ha fatto subito eseguire un'eco urgente dell'apparato urinario. Esito: negativo. Però dottore, cosa che ho detto anche al mio medico, le riferisco ciò che mi ha detto l'ecografista: "questa è una vescica del tutto normale, ecograficamente parlando, ma nessun occhio per quanto esperto può individuare i papillomi piatti o comunque lesioni di parete molto piccole, per cui la cistoscopia ci vuole per forza!". Per quanto riguarda il fatto che io possa essere sedato per fare questo esame, la cosa mi rincuora non poco! Ho già finito in pochi giorni, per l'ansia, 2 flaconi di EN!! Quindi si immagini! Ultima cosa, sono stato a parlare con la patologa che ha effettuato l'esame che mi ha detto anche lei le stese frasi indicate nel consulto, cioè che il citologico può non essere necessariamente indicativo di neoplasia, ma il FISH riguarda solo e soltanto i tumori, non si altera per eventuali infezioni o quant'altro..quindi sono comunque molto sfiduciato....Vorrei chiederle, in caso si trattasse come immagino di un carcinoma (spero in fase iniziale), qual è la percentuale di guarigione? Grazie ancora..