Utente 507XXX
Buonasera dottore..ho 26 anni mi ritrovo a richiedere questo post perchè dopo un infezione urinaria mal curata(e non da parte mia) dopo 5 mesi la situazione non è cambiata. Dopo l'assunzione di antibiotico i sintomi dell'infezione sono scomparsi.. però gia durante l'infezione accusavo dolore al rene destro.. terminata la cura dopo 5 mesi persiste dolore che parte dalle costole e tutta la zona lombare con dolore a glutei,inguine, testicolo e radice della coscia.. dopo 4 mesi di fisioterapia( si supponeva un problema muscolare) senza alcun risultato decido di tornare dall'urologo che mi prescrive un URO-TAC e il referto dice tutto nella norma tranne dilatazione uretere lombare destro da compressione arteria iliaca comune.. potrebbe essere questa la causa del mio dolore? Sono 5 mesi che i dolori mi impediscono di vivere e solo a riposo migliora un po.. ho effetuato anche una RM lombosacrale tutta negativa.. grazie per la risposta e gentilezza.. buona serata

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Esistono alcune malformazioni congenite codificate che interessano gli ureteri in rapporto alla arteria ed alla vena iliaca (es. sindrome di Crocket). La diagnosi è comunque molto delicata ed è indispensabile valutare direttamente le immagini e correlarle ai suoi sintomi, oggettivati dalla visita. A distanza questo non è purtroppo possibile. Riteniamo peraltro che un nostro Collega dotato di pazienza e sensibilità che la possa seguire direttamente sia in grado di portare avanti questa diagnosi differenziale, certamente un poco impegnativa.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 507XXX

Volevo precisare, visto che probabilmente non mi sono spiegato bene che è l'uretere ad essere compresso dalla vena e non il contrario e inoltre sapere se è potuta essere l'infezione ad aver causato questa problematica. La ringrazio per la celere risposta

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ovviamente è l'uretere a patire le conseguenze della compressione, avendo dimensioni quasi 10 volte più piccole dei vasi dell'asse iliaco. Si tratterebbe comunque di un atteggiamento congenito e non collegato ad eventuali infezioni pregresse.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing