Utente 288XXX
Buonasera. Sono una ragazza di 27 anni e sabato d'urgenza mi hanno messo uno stent per via di una colicha renala che non passava con nessun antidolorifico. I calcoli sono due ed entrambi di 9 mm. Uno nel rene destro e l'altro in uretra e per questo mi è stato messe lo stent perché il rene destro era in affaticamento non passando bene la pipì. Ora dovrò tornare dall' urologo a fine novembre con una nuova tac e analisi delle urine per capire cosa fare. Già l'urologo che mi ha messo lo stent mi ha anticipato che mi dovrà rioperare per togliere stent e il calcolo incastrato in uretra. Ora la mia domanda è questa: e con il calcolo nel rene destro che si fa? Si può frantumare o togliere quando appunto il medico mi toglierà lo stent e l'altro calcolo?oppure no? Ci sono altre tecniche? Per me questo argomento è tutto nuovo dato che la scoperta dei calcoli è stata fatta circa 3 ore prima, tramite tac, dell'inserimento dello stent. Non sapevo nemmeno di averli.
Attendo notizie.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La sua descrizione è un po' confusa, comunque ci pare di intendere che siano stati riscontrati due calcoli di 9 mm, uno nel rene destro e l'altro che ostruisce l'uretere (non l'uretra) sempre a destra. In questi casi, se oltre alla colica vi sono altre compicazioni (febbre, alterazioni negli esami del sangue) in urgenza non è consigliabile agire direttamente sui calcoli (cosa peraltro possibile in situazioni non complicate) ma ci si dieve limitare ad inserire uno stent ureterale, mettendo così "a riposo" il rene. Il trattamento dei calcoli viene quindi rinvito ad un tempo successivo, teoricamente già 10-15 giorni sono sufficienti, ma spesso le liste d'attesa delle strutture pubbliche impongono tempi assai più prolungati. Nell'intervento successivo si deve ovviamente cercare di fare la pulizia migliore possibile, quindi frammentando per via endoscopica sia il calcolo dell'uretere, sia quelo del rene, approfittando della stessa anestesia. Per fare questo è necessario che l'operatore disponga degli strumenti e degli accessori idonei, oltre alla competenza per adoperarli, ma su questo non possiamo avere dubbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 288XXX

Si dottore volevo dire uretere. Sono un Po confusa perché appunto sono nuova su questo argomento scoperto 5 giorni fa quando d'urgenza mi hanno messo questo stent. Si l'urologo mi ha detto che quella sera era impossibile togliere subito il calcolo perché la zona era troppo infiammata e quindi stent per evitare di affaticare il rene che già dalla tac risultava un Po ingrossato.
Comunque detto ciò ho capito bene che quando mi toglieranno stent e calcolo in uretere volendo si può togliere anche quello all'interno del rene destro? Appunto volevo prendere "2 piccini con una fava" dato che per levare lo stent e il calcolo in uretere mi devono annestizzare. Siccome i tempi sono un tantino lunghi volevo accelerare un Po anche perché studiando fuori diventa difficile incastrare il tutto. L'urologo per ora mi ha parlato di rimozione stent e calcolo quando a fine novembre andrò per il controllo mi dirà ma volevo andare preparata e cercare di chiedere di fare il tutto in un unico intervento sempre se è possibile farlo.
Ho capito bene?si può fare tutto in un unico intervento?
Grazie per la celere risposta.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Certamente sì, questo allunga certamente i tempi dell'intervento, ma non di molto, quantomeno in mani esperte.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 288XXX

Benissimo dottore.
Grazie mille. Spero di risolvere il tutto tramite un unico intervento.
Speriamo bene.
Grazie

[#5] dopo  
Utente 288XXX

Dottore buonasera. Le riscrivo perché ho da farle una domanda. Ieri ho fatto una settimana che mi hanno messo lo stent a destra. Qualche giorno dopo l'intervento le urine erano miste a sangue ma dopo è tornato tutto normale. Oggi ho ripreso la mia attività sportiva. Cammino velocemente per un ora tre volte a settimana dopo una settimana di stop. Durante la camminata non ho avuto grossi problemi tranne verso la fine qualche dolore fianco destro rene e sotto alla vescica. Tornando a casa sono tornata in bagno ed ho fatto pipì mista a sangue con dei dolori durante la minzione. È normale? Sono preoccupata. Ho fatto male a riprendere la camminata?
Attendo notizie.
Grazie in anticipo

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Diremmo più che normale, considerata la situazione, di per sè nulla di grave. Forse sarebbe meglio non esagerare e fare una vita più tranquilla.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 288XXX

Benissimo dottore. Grazie. Cercherò di fare movimento ma con cautela fino a quando non leverò lo stent.
Grazie mille per la celere risposta. Ora sono più tranquilla.
Buona serata

[#8] dopo  
Utente 288XXX

Buonasera dottore. Ho da farle un ennesima domanda per quanto riguarda questo stent. Diciamo che sta diventando un incubo. E le spiego il perché. Mi hanno messo lo stent il 29 settembre e all'inizio lo tolleravo bene. Ora non più. Niente attività fisica perché sto male ma ora anche il semplice camminare fare una passeggiata tranquilla non è cosa. Lo stent fa male. Ho dolore proprio sotto zona vescica. Sto bene se non faccio nulla per tutto il giorno e sono completamente a riposo. Ma tutto ciò è normale?? Questa cosa mi blocca la vita in generale. L'unica cosa che mi calma i dolori è l'oki ma non posso stare fino al prossimo controllo (29 novembre)a prendere oki. È tutto normale ciò?oppure può essere che si sia spostato? È diventato tutto un incubo e invivibile.
Attendo notizie.
Grazie

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Purtroppo è ben noto che lo stent in taluni casi possa portare a fenomeni di spiccata intolleranza, ma se si fosse davvero spostato i disturbi sarebbero ancora diversi. A questo punto non possiamo che augurarle di essere sottoposta all'intervento il più presto possibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 288XXX

Buonasera dottore. Finalmente domani mi rimuovono lo stent. Dopo ieri passata al pronto soccorso e oggi ci sono ritornata x i forti dolori finalmente si sono decisi alla rimozione dello stent. Ora domani andrò e lo farò. Ma come avviene? Quanto dura?è doloroso? Avendo messo lo stent in anestesia epidurale non ho avvertito grossi problemi mentre oggi ho capito che non ci sarà anestesia e purtroppo useranno qualcosa di più "rigido" per fare questo esame perché mi spiegavano che la pinza originale è rotta.
Attendo notizie. Grazie

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
C'è forse un equivoco. A noi risulta che le abbiano inserito lo stent per risolvere una ostruzione da parte di un calcolo di 9 mm, che per opportunità non è stato trattato contestualmente. Pertanto l'intervento che presumiamo sia da eseguire non è la semplice rimozione dello stent, .mla l'endoscopia operativa che porta alla frantumazione/rimozione del calcolo dell'uretere e di quello all'interno del rene, come abbiamo commentato in altri nostri contributi. ovviamente questointervento deve essere eseguito in anestesia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 288XXX

Dottore non ho specificato nel post che il calcolo di 9mm che ostruiva il passaggio dell' urina non è più presente. Mi hanno fatto anche una tac in pronto soccorso e l'urologo mettendole a confronto a notato la non presenza di questo calcolo. Lui mi ha detto che sicuramente il calcolo si sarà rotto e lo avrò espulso con le urine. Ecco perché domani rimuovono lo stent ed ho capito senza anestesia in regime ambulatoriale.

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le auguriamo che sia veramente così. Rimarrà comunque l'altro calcolo all'interno del rene. In na donna la cistoscopia semplice per a rimozione dello stent comporta un lieve e breve fastidio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente 288XXX

Si si dottore. So che resta quello nel rene destro. Ma infatti domani dopo la rimozione dello stent chiederò per capire cosa fare dell'altra calcolo. Per ora una passo alla volta con la rimozione di questo stent che è stato un incubo.
Grazie per tutto e speriamo bene.

[#15] dopo  
Utente 288XXX

Dottore buon pomeriggio. Stamattina finalmente ho tolto lo stent. Una grande liberazione. Ora per 8 giorni devo prendere antibiotico e per un mese delle bustine di uriston plus. Ora tra un mese e mezzo devo andare al controllo con esami urine ecografia renale e diretta renale. Ora sto meglio ma andando in bagno ho perdite di sangue e bruciore. È normale dopo la rimozione dello stent? Il medico mi ha detto che al bisogno posso prendere della tachipirina.
Attendo notizie. Grazie

[#16] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Nelle prime 24/48 ore sono manifestazioni abbastanza comuni e non preoccupanti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing