Utente 152XXX
Salve,
ho 47 anni e da qualche settimana, dopo aver fatto un'ecografia per sospetta ernia inguinale dx, mi è stato scoperto un nodulo di 7mm al testicolo sx. Il Dr. che ha eseguito l'ecografia mi ha confermato l'ernia, ma avendo pochissime volte diagnosticato una roba del genere in forma tanto "embrionale", mi ha esortato a rivolgermi urgentemente ad uno specialista. Avendo recepito il messaggio di possibile "miracolo/fortuna", mi sono rivolto al mio specialista di fiducia che dall'ecografia ha confermato il tutto e mi ha invitato a fare markers tumorali - tac con mdc - pet/tc per sospetta neoplasia testicolare di 7mm . in 15gg circa ho avuto i risultati di tutti gli esami richiesti e non risultano valori anomali di rilievo ( tranne bilirubina un po' alta, lieve presenza di emoglobina nelle urine, emazie ed albumina leggermente alti) e quindi dovrei tornare dallo specialista. Ormai sembra chiaro che l'intervento chirurgico sia necessario, ma secondo voi essendo in una fase così prematura servirà anche ciclo di "chemio" oppure "radio" ? In base alle vostre esperienze in quanto tempo cresce/evolve un tumore del genere ? Se si decidesse di scegliere subito la via chirurgica, con conferma tumorale dell'istologico, quali sono le migliori scelte per non rischiare altre complicazioni ? SE VI E' POSSIBILE VI PREGO DI DISSIPARMI QUESTI DUBBI.
Grazie mille al Dr. che vorrà aiutarmi a capire meglio cosa mi sta succedendo e come meglio affrontarlo.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Giglio

28% attività
8% attualità
16% socialità
GENOVA (GE)
CHIAVARI (GE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
Buongiorno. Per rispondere alle Sue domande bisogna aspettare il referto istologico del materiale asportato durante l'intervento. Solo con questo esame si può sapere il tipo istologico della malattia, la sua esatta estensione e altre caratteristiche importanti per decidere le eventuali successive terapie. In ogni caso, dalle informazioni che abbiamo, sembra una situazione assolutamente favorevole!. Ci sono quindi buone possibilità di non dover eseguire altre terapie dopo l'operazione ma soltanto un attento monitoraggio. Ci tenga aggiornati.
Dr. Matteo Giglio
https://www.urologo-genova.it
https://plus.google.com/+DrMatteoGiglioUrologoGenova

[#2] dopo  
Utente 152XXX

Salve Dr. Giglio,
grazie per la sua risposta.
Sono stato a visita dallo specialista che mi ha chiesto di fare gli esami ed ho intuito una forma di perplessità su come proseguire. I markers sono OK, Tac e Pet non danno nessuna CAPTAZIONE e da ulteriore ecografia, dopo un mese, risulta sempre essere di 7mm. Lo specialista mi vorrebbe far parlare con un suo collega urologo per un ulteriore parere e per valutare eventuale istologico tramite agoaspirato, ma a me come idea non piace assolutamente, poichè mi ha anticipato che ci sono pareri medici discordanti in materia e quindi difficilmente riuscirei ad accettare un tale rischio.
Soprattutto perchè questa indicazione sembra totalmente opposta a quella da lei prospettata e dalla stessa che mi aveva proposto inizialmente il mio specialista che oggi sembra aver cambiato idea.
Grazie se vorrà condividere un suo ulteriore parere in merito.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Giglio

28% attività
8% attualità
16% socialità
GENOVA (GE)
CHIAVARI (GE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
Agoaspirato per via transcutanea attraverso lo scroto non andrebbe fatto.
La biopsia va fatta in corso di intervento di esplorativa testicolare eseguito per via inguinale. Si esegue di solito l'asportazione selettiva della lesione che viene inviata per un esame istologico intra-operatorio. In alcuni casi l'intervento si può concludere con il risparmio del rimanente parenchima testicolare.
Ancora saluti
Dr. Matteo Giglio
https://www.urologo-genova.it
https://plus.google.com/+DrMatteoGiglioUrologoGenova

[#4] dopo  
Utente 152XXX

Salve Dr. Giglio, volevo informarla che dopo una serie di dubbi e domande, ho preferito seguire il suo consiglio ed ho trovato una struttura che ha escluso assolutamente l'agoaspirato. Sono in lista per un'esplotativa inguino scrotale. In pratica mi hanno spiegato ( in fotocopia) quello che lei mi aveva anticipato con il precedente messaggio. Durante la visita ho chiesto tutte le info comuni, PERO' , per la presenza di un'infermiera donna, ho avuto vergogna ad approfondire il discorso sessuale. Dopo tale intervento quanto tempo deve passare per provare ad avere una eiaculazione e vedere se tutto funziona? Ad esempio se tirano via tutto il testicolo e tutto era circoscritto in esso, quanto tempo deve passare per la prima eiaculazione? Se invece dall'istologico rapido il nodulo risulta di natura benigna e rimettono tutto in sede, quanto tempo deve passare per la prima eiaculazione?
Mi scuso e la ringrazio in anticipo.

[#5] dopo  
Utente 152XXX

Salve Dr. Giglio, volevo dirle che ho subito l'intervento chirurgico. Tutto come lei aveva prospettato: è stata escissa la lesione e dall'istologico "veloce", in fase chirurgica, è emersa la benignità del tumore ( almeno quanto riferito ai miei familiari). Hanno deciso di conservare il testicolo in attesa dell'istologico definitivo. Tale istologico è arrivato ieri e dice: Proliferazione a cellule di LEYDIG. In assenza di necrosi, angioinvasione e mitosi si propende per adenoma a cellule di LEYDIG.
PRESCRIZIONI E FOLLOW-UP:
-l'istologico definitivo conferma la lesione benigna;
-non sono necessari ne trattamenti ne follow-up oncologici;
-solo ecografia post intervento nell'arco di 4 mesi.

SECONDO UN SUO PERSONALE PARERE QUESTO TIPO DI TUMORI REALMENTE SONO TUTTI BENIGNI OPPURE POSSONO DESTARE UNA MINIMA PERCENTUALE DI RISCHIO ? Secondo lei veramente non devo fare nessun controllo nel tempo?
Se ha qualche minuto per me, attendo un suo pensiero
(non per screditare i suoi colleghi che mi hanno operato).
Grazie in anticipo.