Utente 441XXX
Salve, sono un ragazzo di 20 anni abbastanza preoccupato per la mia situazione.
Fin da quando era ragazzino aveva difficoltà a scoprire il glande, poi col tempo esercitando la pelle sono riuscito a scoprirlo tutto, anche in erezione.
In una recente visita urologica mi è stato diagnosticato un lichen sclerosus (che ho da tanti anni, perché sono presenti i classici taglietti ed è sempre stato così, senza altri sintomi però come prurito ecc, per fortuna) inoltre presento pure un'aderenza nel lato sinistro tra prepuzio e glande, tanto che il mio frenulo è attaccato e non ho il classico filetto, e per anni ho pensato di non avere il frenulo, invece il dottore mi ha spiegato che è presente, ma è tutto incollato.
Mi ha consigliato di usare una pomata a base di cortisone per qualche mese per il lichen sclerosus, e in caso non si risolvesse il problema, operarmi di circoncisione totale.
Il punto è che se possibile io vorrei praticare lo scollamento del prepuzio/frenulo col glande, ma il dottore mi ha spiegato che potrebbero incollarsi nuovamente a causa del lichen e che se non viene guarito, non rimane che la circoncisione totale.
Dato che allo stato attuale io riesco comunque a scoprire il glande, perché non optare per una parziale e lasciare una parte di prepuzio che mi farebbe stare più sereno?
Inoltre ho notato che sul glande (ma che credo ci sia da anni) è presente una leggera chiazza di colore marrone/giallognolo sbiadito, con un minuscolo puntino all'interno della stessa chiazza di un marroncino più scuro.
Ho eseguito due visite da due urologi, ed entrambi non mi hanno minimamente parlato della chiazza, può essere che non l'abbiano notata? O che è un qualcosa di fisiologico e quindi per questo motivo non l'hanno citata? (A pene eretto credo che scompaia per giunta)
Sul web leggo di melanomi e altre brutte cose, ma mi sembra azzardato parlarne così a caso.
Aggiungo che il primo urologo ad avermi visitato non ha parlato di lichen, ma mi ha solo fatto presente di avere un'infiammazione e il glande incollato col prepuzio, mentre il secondo urologo mi ha subito fatto presente del lichen.

Settimana prossima avrò una nuova visita di controllo dall'urologo per vedere come procede la cura a base di cortisone per il lichen sclerosus, chiedo un parere : voi come agireste per la situazione del lichen, del prepuzio/frenulo incollato col glande? È evitabile la circoncisione?
E per la macchiolina cosa dovrei pensare?

Ringrazio in anticipo per eventuali risposte...

P.S. Ho foto zoomata della macchiolina, posso postarla se può aiutare a dare un consiglio?

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

da quello che ci scrive le ultime indicazioni ricevute di una circoncisione “completa” in presenza di un lichen sclerosus, sono condivisibili.

Altri dubbi sempre discutere allora in diretta con il suo urologo le eventuali questioni cliniche particolari presenti.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 441XXX

Dottore, la mia paura è una sola : io nel sesso orale non provo molto piacere ad essere sincero, anzi a dirla tutta non ne provo.
Percepisco invece una forte goduria nel piacere che regala il gesto della masturbazione, quindi lo scorrimento su e giù del prepuzio. In seguito ad un eventuale circoncisione totale andrei a perdere tale piacere?
Perché da quel che so il prepuzio è pieno di terminazioni nervose, ma il piacere che io sento diviene dal prepuzio in se, o dal prepuzio che stimola la base del glande quando viene mosso?

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Da entrambi; tutta la zona è ricca di terminazioni somato-sensitive.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 441XXX

Come mai dottore nel sesso orale non ricevo piacere quando la donna va a contatto col glande? Non ho sensibilità ma non è mai stato problema. Io presento un punto erogeno molte forte che è sul pene, 1 cm sotto il glande circa. Tale punto erogeno lo stimolo con la masturbazione e mi chiedo: dipende dal prepuzio? O da nervature distaccate dal prepuzio? Perché anche senza far scorrere il prepuzio, se sfrego su quel punto, sento piacere.
Ovviamente col prepuzio e con la sua azione, il punto in questione viene stimolato meglio, ma ciò che sto cercando di capire è se la circoncisione potrebbe intaccare quell'area di piacere.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sì, la circoncisione potrebbe intaccare quell'area ....

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 441XXX

Ho un amico circonciso che ha testimoniato come quell’area sia rimasta sensibile alla stimolazione, non so più cosa credere
Giustamente a distanza non so fino a che punto puó comprendere le zone che io indico nè il mio caso specifico dato che ognuno è diverso, mi sbaglio dottore?
Non mi resta che attendere la visita settimana prossima

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
[#8] dopo  
Utente 441XXX

La ringrazio per quanto le è stato possibile fare, aggiornerò la situazione nel fururo prossimo
Arrivederci

[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006