Utente 514XXX
Salve sono un 59 enne e ho da esporvi questo problema. Sono stato da giovane un maratoneta e spesso giocavo anche a calcio. All’eta di 20 anni avevo presenze di emazie nelle urine (++— o +++-). Se questo poteva risultare accettabile in hillo tempore data la mia attivita fisica ora non lo e piu (ho smesso all eta di 45 anni). Il mio medico mi ha sempre detto che non e nulla di grave che ho i capillari dei reni deboli. Fatto sta che nelle visite periodiche che svolgo per conto della mia azienda mi arriva sempre la privata dove dice della presenza di emazie nelle urine (quasi sempre +++-). Il mio quadro clinico degli ultimi 2 anni e stato alquanto disarmante. Operazione per un papilloma invrtito ai seni paranasali, operazione e allargamento per un melanoma al torace ( un piccolo neo...) che all allargamento ha dato esiti negativi (meno male). Infine il mese scorso operazione per un calcolo alla colicisti. Visita periodi aziendale svolta il 13/12 e sempre con emazie numerose... cosa mi consigliate? Tengo a precisare che non ho mai avuto sintomi che possano condurre a una patologia, ora con l avanzare dell eta e con l aumento del peso ogni tanto sento delle fitte ai reni, in particolare se devo fare uno sforzo per prendere dei pesi.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

è forse giunta l'ora di sentire il suo urologo di riferimento e con lui iniziare una corretto e preciso iter diagnostico con ecografia delle vie uro-genitali completa, esame delle urine con valutazione citologica del sedimento urinario, almeno tre campioni, e poi rivalutare per bene la sua micro-ematuria.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione clinica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 514XXX

Grazie vivamente seguiro alla lettera i suoi utili consigli.