Utente 528XXX
Salve a tutti,
da un paio di settimane circa ho dolore quando vado a fare pipì, questo accade se lascio il flusso libero di scorrere a piena potenza , mentre se controllo la fuoriuscita in modo tale da renderla intermittente o comunque di bassa velocità non ho dolore. Ho contestualmente notato una sorta di T rossa dietro il glande del pene (la parte a contatto col ventre), e ho subito collegato le due cose. All’inizio pensavo che quel segno rosso fosse un taglietto (ho un’attività sessuale non frequentissima ma regolare), ma in seguito ho capito che non si tratta di una lesione esterna, bensì di capillari che, in qualche modo danneggiati, sono visibili in maniera evidente dall’esterno. Evidentemente accade che quando la pressione urinaria è forte la zona arrossata causa bruciore.
Pensavo che la situazione potesse risolversi dopo alcuni giorni e che i capillari potessero richiudersi o cicatrizzarsi da soli, ma qua la situazione inizia ad andare per le lunghe e là problematica con la minzione è sempre presente, costringendomi a rallentare la fuoriuscita di urina per non avere bruciore.
Cosa posso fare, a parte una visita dall’urologo? Consigliate pomate o unguenti?
Grazie per il riscontro a chi vorrà aiutarmi.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Abbiamo dei dubbi che il bruciore urinario e la manifestazione esterna possano essere davvero collegati, d’ogni modo non vi è altra ragionevole possibilità di una valutazione specialistica diretta.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing