Utente 530XXX
Salve, oggi 25 marzo ho avuto un rapporto anale con un uomo e dopo il rapporto ho perso un paio di gocce di sangue dal membro(era una delle mie prime esperienze) ora dopo un paio di ore dal Rapporto non sento me dolore ne infiammazione, e non ho avuto altre perdite di sangue. Cosa mi consigliereste di fare? Qualche test ho qualche crema?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Vorremmo presumere che si sia trattato di un rapporto opportunamente protetto dal preservativo, perché in caso contrario l'elevatissimo rischio infettivo sopravanzerebbe di molto qualsiasi preoccupazione per la perdita di poche gocce di sangue, assai probabilmente correlate unicamente al trauma dei tessuti dell'uretra.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 530XXX

Quindi consiglia di fare dei test?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Lei non ha risposto alla nostra domanda, dipende essenzialmente dalle modalità del rapporto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 530XXX

Scoperto

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Dunque considerato l'elevato rischio di contaminazione, sarebbe opportuno valutare sia dal punto di vista delle possibili infezioni da comuni batteri intestinali, sia dal punto di vista delle malattie sessualmente trasmesse. Per questo secondo gruppo (sifilide, HIV, epatite C, ecc.) le raccomandiamo di far riferimento ad un centro per questo tipo di patologie (MST), presente in tutti i grandi ospedali. Dal punto di vista più strettamente urologico, eseguiremmo esame delle urine, urocoltura, spermicoltura, tampone uretrale completo con ricerca di clamidia e micoplasmi. Ovviamente sarà importante valutare nelle prossime settimane la comparsa di disturbi delle basse vie urinarie e secrezioni uretrali.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 530XXX

Va bene anche un centro lila per gli esami che mi consiglia e un epp?

[#7] dopo  
Utente 530XXX

E la probabilità di contrazione di una di queste malattie quant'è

[#8] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non possiamo parlare di certezze, ma il rischio è certamente elevato, in particolare per le infezioni da batteri intestinali. La valutazione deve essere comunque fatta in un ambiente in cui sia attivo un medico infettivologo oppure dermatologo con competenza specisfica nelle mst.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente 530XXX

Saprebbe dirmi in percentuali quant'è il rischio

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Si trattasse anche solo dell'1% ci pare sarebbe comunque un rischio inaccettabile per una pratica voluttuaria. Non siamo certo qui per spaventarla, ma per aiutarla a rendersi conto che certe attenzioni siano assolutamente indispensabili.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 530XXX

Grazie mille so che il vostro intento è aiutare e prevenire e non di spaventare per questo mi affido alle vostre risorse

[#12] dopo  
Utente 530XXX

Ho chiesto un consulto presso mts e mi hanno detto di aspettare 40 giorni

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Esatto. Gli accertamenti urologici può invece effettuarli anche prima.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente 530XXX

Che esami e dove mi consiglia di farli sono di Milano

[#15] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gli accertamenti li abbiam già elencati nel notrso contributo #5. per motivi di correttezza noi non possiamo dare indicazioni su singole strutture di diagnosi o cura con riferimento al caso specifico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente 530XXX

Non hanno trovato lacerazioni dunque si riduce il rischio?

[#17] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Solo minimamente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing