Perdita di sostanza fuori dal catetere vescicale

Operato il 9 dicembre 2021 di prostatectomia radicale robot assistita con linfoadenectomia pelvica bilaterale.

Portatore a tutt'oggi del catetere vescicale in quanto l'uretrocistografia ha evidenziato quello che l'urologo ha definito " ancora qualche sbaffo ".

Il mio problema è che da diversi giorni ho delle perdite (non eccessive) extra catetere di una sostanza maleodorante di colore marrone chiaro (forse urina mista a qualcos'altro) che fuoriesce, il più delle volte, in seguito ad uno spasma (un colpo di tosse, uno sternuto, un minimo sforzo nel cercare di evacuare) accompagnata, a volte, anche da bruciore.

Preciso che, bevendo 3 lt.
d'acqua al giorno, l'urina nella sacca è molto limpida e non presenta alcuna anomalia.

Gradire conoscere la Vs, opinione riguardo la causa di queste perdite.

Grazie infinite
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 28,6k 1,4k 15
La situazione giustifica il fatto che secrezioni e sierosità ancora correlate alla stabilizzazione dell'area operata possano defluire a fianco del catere e fuoriuscire all'esterno. Entro certi limiti è un fatto normale, anzi addirittura positivo poiché questo materiale ritenuto potrebbe essere facile bersaglio di infezione.

Dr. Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test