Utente 249XXX
Buonasera a tutti, mi rivolgo a voi per un consulto. Il mio problema - mi sembra anche inutile dirlo vista la mia età - e la malattia più odiata da tutti noi adolescenti: l'acne.
Ho sedici anni e da ormai quattro ho l'acne. Posso dire, però, di essere stata molto fortunata, in quanto da qualche anno si tratta per lo più di brufoli sottopelle, sono pochi quelli super vistosi che avevo una volta. Molto spesso, questi brufoli sottopelle, toccandoli, si gonfiano tantissimo, quasi come se fossero bernoccoli. Non so se definirle "cisti".
Qualche mese fa mi sono rivolta ad un dermatologo, il quale mi ha prescritto una cura di quarantacinque giorni con l'antibiotico tetralysal 300 mg e il duac gel 1-5%. La situazione sembrava essere migliorata, ma purtroppo dopo una ventina di giorni ho avuto una reazione allergica da parte del duac che mi ha portato un eritema. Il mio medico di base mi ha fatto assumere tre compresse di cortisone (sera - mattina - sera) e, non trovando il mio dermatologo disponibile, mi sono rivolta ad un altro che mi ha fatto acquistare il Misurid Plus. Dopo qualche giorno la mia pelle aveva assunto il suo colorito normale. Tornata a visita il dermatologo mi ha naturalmente cambiato cura. Mi ha prescritto due gel: acnell as pergam e zindaclin 1%. E' passato più di un mese ma non vedo miglioramenti, anzi, trovo che la mia pelle sia più grassa di prima!
Come posso curare questi fastidiosissimi punti neri e brufoli sottopelle? Può essere qualcosa legata all'alimentazione? Vi ringrazio in anticipo per vostri eventuali chiarimenti.

Distinti Saluti.

P.S.: Ho dimenticato di dire che il dermatologo non mi ha specificato il grado di acne, sui farmaci che mi ha prescritto però ho letto che sono adatti per acne da lieve a moderata. Di nuovo grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Carlo Mattozzi
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, purtroppo senza valutare direttamente il suo quadro clinico non è possibile indicarle una terapia adeguata. Deve considerare che la terapia dell'acne necessita spesso mesi di terapia per migliorare il quadro clinico. Quello che posso consigliarle è di rivolgersi nuovamente al suo dermatologo per rivalutare la terapia. Per ciò che concerne l'alimentazione, è probabile che i cibi ricchi di grassi possano peggiorare l'acne, anche se a tuttora ci sono pochi studi che dimostrano ciò e non è certo che una dieta priva di tali alimenti possa migliorare il quadro clinico.
Inoltre, ha un ciclo regolare? Ha mai fatto un'ecografia ovarica?
Saluti