Utente 242XXX
Buongiorno, ho 22 anni e mi sottopongo una volta all'anno a visita dermatologica per mappatura nei (ne ho più di 80). L'ultima visita risale a luglio di quest'anno e il mio dermatologo mi ha riferito di tornare dopo 3 mesi per un follow up di un nevo in sede lombare sinistra. Io molto stupidamente, forse anche un po' per paura, ho temporeggiato e mi sono presentata al follow up con un mese di ritardo; il dermatologo in questione mi ha fatto molto giustamente una "tiratina d'orecchie" sottolineando l'importanza del follow up e dicendomi che il "melanoma è morte" e non è da sottovalutare; mi ha detto che secondo lui era da togliere aggiungendo di fare anche una visita all'ospedale (dove hanno una strumentazione che permette di vedere il neo ingrandito) e di sentire perciò il parere dei dermatologi dell'ospedale per avere maggiori dettagli. Ho fatto fare la richiesta di visita urgente dal mio medico di medicina generale e dopo 7 giorni ho effettuato la visita dal dermatologo in ospedale. La strumentazione che ha usato per la visita era , ahimè, la stessa del mio dermatologo, tuttavia anche il dermatologo in questione ha sostenuto che il neo era da togliere e mi ha fissato un appuntamento 15 giorni dopo la visita con il seguente referto:
"visita dermatologica prioritaria motivazione in richiesta rossa <<per acc. circa elemento prec.segnalato>>
referto: riferisce variazione (aumento) di elemento nevico in sede lombare sinistra. In sede lombare sinistra si rileva elemento melanocitario di 15x 5 mm, asimmetrico, bicolore, con aspetto dermoscopico atipico. Ne consiglio l'exeresi chirurgica in anestesia locale, classe A."
Ho effettuato l'intervento di asportazione 3 giorni fa con 5-6 punti di sutura. L'istologico me lo faranno pervenire il giorno 3 gennaio, quando andrò a togliere i punti. Mi rendo conto che è una domanda stupida, ma ho un bruttissimo presentimento..nel caso fosse un melanoma, cosa mi devo aspettare? Un mese di ritardo può cambiare di molto la prognosi? Sto pensando a quanto sono stata stupida a ritardare il follow up.. Tutti mi stanno dicendo che devo aspettare il referto e di stare tranquilla, ma non riesco. Anche una mia amica deve toglierlo ma non le hanno dato tutta questa "urgenza".Ringrazio anticipatamente per la risposta, cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
tanti nevi vengono tolti nel sospetto possa trattarsi di un melanoma: fortunatamente solo una minoranza risultano davvero esserlo. Volendo elucubrare se il melanoma fosse stato francamente tale il dermatologo lo avrebbe fatto asportare subito, non dopo 3 mesi di "follow up". Quindi, anche nella peggiore delle ipotesi, si tratterebbe di una lesione iniziale.
Le consiglierei di passare un Natale sereno e di affrontare tutti i discorsi dopo l'esito dell'istologico.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 242XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno dottore, intanto la ringrazio per la risposta! Stamattina mi sono recata in ospedale per togliere i punti e mi è stato consegnato il referto dell'esame istologico:

NOTIZIE CLINICHE
Nevo melanocitico atipico in sede lombare sinistra, riferito in accrescimento.

MATERIALE INVIATO
Cute regione lombo-sacrale- biopsia escissionale

DESCRIZIONE MACROSCOPICA
Losanga cutanea di cm 2x1 centrata da lesione irregolarmente pigmentata piana a margini regolari di cm 1,3x0,6

DIAGNOSI
NEVO MELANOCITICO COMPOSTO DISPLASTICO. (Escissione completa).

Mi può dire qualcosa in merito? So che la displasia può essere terreno fertile per la crescita di un melanoma, anche se nella maggior parte dei casi cresce su cute "sana" e non su neo preesistente. E' il caso di effettuare mappatura dei nei ogni sei mesi anzichè ogni 12? La ringrazio, Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
Ancora si discute sul reale significato del nevo displastico e se davvero possa considerarsi un precursore di melanoma. Certamente è prudenziale lei faccia una visita all'anno, che la considero già da riservarsi ai casi più a rischio, ogni sei mesi mi pare troppo ravvicinato.
Cordialissimi saluti