Utente 196XXX
Salve, mi chiamo Luigi ed ho 30 anni. Sono passati circa 3 anni da quando mi è stata riscontrata una prostatite abatterica cronica, scatenata inizialmente da un’infezione alle vie urinarie mal curata. Da allora mi sono rivolto a più di un urologo e ad un andrologo. Da tutte le visite è scaturito che dal punto di vista organico non c’è nulla che non vada bene. Mi sono state somministrate varie cure, principalmente a base di Xatral 2,5 mg (assunto mattina e sera per circa 2 anni) e vari integratori per la prostata quali Permixon, Profluss ecc. Nonostante tutto questo attualmente accuso ancora vari problemi: ho sempre un fortissimo calo del desiderio, ho pochissima sensibilità al pene, infatti, non percepisco il piacere sia che si tratti di stimolazione, sia durante un rapporto, come se i genitali fossero addormentati. Ho serie difficoltà di erezione, che risolvo quando posso con l’assunzione di Levitra orodispersibile 10 mg (su consiglio dell’andrologo). Ho difficoltà ad arrivare all’eiaculazione e quando arrivo provo poco piacere e la fuoriuscita dello sperma è frenata e seguita da una sensazione di lieve fastidio interno. Lo sperma è spesso poco ed appare molto liquefatto. Tengo a specificare che tutti questi problemi si presentano a prescindere dall’assunzione del Levitra e anche durante la masturbazione. Confido nell’aiuto di voi specialisti. Grazie infinite.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

alcuni farmaci da lei presi, non l'ultimo da lei indicato, possono in alcuni casi creare qualche problema all'eiaculazione e questo succede pure se ancora presente un problema infiammatorio a livello della prostata.

Risenta ora in diretta il suo urologo od andrologo di riferimento.

Un cordiale saluto.