Utente 430XXX
Buongiorno, ho 40 anni, nel 2001 sono stata operata di endometriosi (ora da isteroscopia e eco 3d sembra tutto a posto) e da due anni circa stiamo provando ad avere un bambino. Nell'ultimo anno e 1/2 ho esguito diversi monitoraggi dell'ovulazione e il mio endometrio è sempre risultato sottile (4-5 mm). Abbiamo tentato una prima ICS a luglio 2016 e in quel caso, con protocollo breve (Meropur) ho raggiunto uno spessore di 8 mm, ma l'esito è stato negativo. Abbiamo ritentato a ottobre 2016 ma in quel caso il mio endometrio ha raggiunto solo 5 mm e non abbiamo potuto procedere al transfer, per cui abbiamo due embrioni congelati. Nel mese di novembre 2016 ho fatto una terapia con Progynova da 4 a 6 al giorno per 19 giorni, ma l'endometrio è arrivato al massimo a 5,2 mm per cui mi hanno detto di sospendere tutto. Successivamente ho anche esguito un ecocolor doppler dei vasi uterini ed è risultato: Sinistra RI 0,72 PI 1,34, Destra RI 0,72 e PI 1,34, in prossimità del fondo RI 0,67 , Notch bilaterale assente. Con il prossimo ciclo, i medici del centro che mi segure vorrebbero di nuovo tentare con una stimolazione blanda con il Meropur, dato che nel tentativo di luglio l'endometrio era cresciuto, ma mi domando se ci fossero altri farmaci, come ad esempio Cardio Aspirina, Trental 600 o altre terapie estrogeniche (ad esempio i cerotti) che potrei associare al Meropur. Ho letto che si consiglia anche l'esame istologico dell'endometrio, lei cosa ne pensa? Nel caso poi in cui i recettori dell'endometrio risultassero danneggiati, c'è qualche tipo di cura o l'esame serve solo a prendere atto della situazione? La ringrazio per la sua infinita disponibilità.
[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro
48% attività
8% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Le terapie efficaci sull'endometrio dovrebbero basarsi su diagnosi morfologiche e funzionali eseguite prima dei cicli stimolati, tramite isteroscopie e biopsie endometriali mirate. Sulla scorta di problematiche ben precise, si dovrebbero eseguire terapie specifiche, sempre validate da biopsie endometriali, isteroscopie diagnostiche oltre che da esami Doppler delle arterie uterine.