alzheimer

Abuso di steroidi e rischio di demenza

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 25 settembre 2021

Nella mia pratica clinica sono sempre più frequentemente a contatto con “pazienti” che cercano aiuto e assistenza dopo l’uso e l’abuso di steroidi anaboliazzanti ormai facilmente acquistabili sul web. L'eccessiva e scorretta informazione di guru e influencer sui social induce il giovane ragazzo alla ricerca di un rimodellamento corporeo da mostrare su Instagram (ipotetica fonte di arruolamento e guadagno), attraverso scorciatoie chimiche e anaboliche.

Abuso anabolizzanti

Quali sono gli effetti collaterali dell'abuso di anabolizzanti?

Vediamo cosa dice un interessante lavoro pubblicato sulla rivista Science Direct [1] che tratta le problematiche neurologiche legate all’abuso di steroidi anabolizzanti.

L'uso di steroidi androgeni anabolizzanti (AAS) a dosi sovrafisiologiche è associato ad anomalie fisiologiche, cognitive e cerebrali simili a quelle riscontrate nelle persone a rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer e le sue demenze correlate (AD/ADRD), che sono associate a alti livelli di β -amiloide (Aβ) e proteine ​​iperfosforilate tau (tau-P).

Abuso anabolizzanti: effetti collaterali

L'AAS a dose sovrafisiologica induce anomalie dell'equilibrio ormonale androgeno e un eccesso di stress ossidativo, che sono stati collegati all'aumento o alla diminuzione dell'espressione o dell'attività delle proteine ​​che sintetizzano ed eliminano, rispettivamente, Aβ e tau-P.

L'accumulo di Aβ e tau-P può iniziare subito dopo l'inizio dell'uso di steroidi anabolizzanti a dosi sovrafisiologiche, che si verifica tipicamente nei primi anni, e il loro accumulo può essere accelerato dall'uso di altre sostanze psicoattive, che è comune tra gli utilizzatori di AAS.

Di conseguenza, l'uso diffuso di steroidi anabolizzanti a dose sovrafisiologica può aumentare il numero di persone che sviluppano demenza.

Cosa fare per ridurre il rischio di Alzheimer e demenze?

La diagnosi precoce e la correzione delle anomalie dei livelli di steroidi sessuali e dell'eccesso di stress ossidativo potrebbero attenuare il rischio di sviluppare demenze e Alzheimer negli utilizzatori di anabolizzanti a dosi sovrafisiologiche, nelle persone con altri disturbi da uso di sostanze e nelle persone con bassi livelli di steroidi sessuali o stress ossidativo eccessivo associata all'invecchiamento.

Questo è un chiaro messaggio sull'uso di steroidi anabolizzanti che spero venga da qualcuno raccolto e valutato.

Abuso anabolizzanti e proteina beta amiloide

Fonte:


Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

14 commenti

#1
Dr. Giulio Biagiotti
Dr. Giulio Biagiotti

ben scritto! aggiungo di aver osservato linfomi in utilizzatori di GH, chemio resistenti.

#2
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

accidenti, veramente ? adesso poi i ragazzi fanno direttamente la "spesa" sui siti bypassando qualsiasi consiglio medico. Sono tutti PubMedici

#3
Dr. Giulio Biagiotti
Dr. Giulio Biagiotti

Chi ci governa non ha ancora capito che gli è scappato il gatto col Rabdovirus

#14
Utente 570XXX
Utente 570XXX

C’era una domanda di un utente scomparsa. A me interessava. Che dite?

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche alzheimer 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Altro su "Malattia di Alzheimer"