Epidurale a rischio se c'è il tatuaggio

Dr. Nicola BlasiData pubblicazione: 30 agosto 2013

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Adriana Paolicchi, presidente della Società italiana di anestesia e rianimazione di emergenza e dolore, dichiara che un tatuaggio in zona lombare potrebbe creare seri problemi alle donne che desiderano partorire senza dolore con l'aiuto dell'anestesia epidurale se il tatuaggio coincide con la zona della puntura attraverso la quale si esegue l'analgesia con tecnica EPIDURALE nelle partorienti.

"Nel momento in cui viene  effettuata la puntura c'è il rischio che l'ago possa veicolare con la tecnica epidurale, alcune particelle del pigmento all'interno del canale vertebrale, che porterebbe danni da irritazione, infiammazione o infezione dei rami nervosi che partendo dal midollo spinale, decorrono in questo canale."

Quindi evitare tatuaggi nella zona lombare può essere una forma di prevenzione. Il medico Anestesista in presenza di tatuaggi in questa zona dovrà ricercare zone di cute libera da pigmento.

Per ora non è stato riportato nessun danno come certamente dovuto a questo rischio specifico, afferma la Paolicchi.

È importante sottolineare che questa tecnica di analgesia è ormai adottata per altri tipi di interventi chirurgici, e quindi bisogna fare attenzione alla topografia dei "TATTOO".

 

Fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Epidurale-e-tatuaggi-un-mix-pericoloso-per-il-rischio-di-infezioni_32539953734.html

Autore

blasinicola
Dr. Nicola Blasi Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976 presso Università di BARI.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 4485.

3 commenti

#1
Dr. Luigi Stella
Dr. Luigi Stella

Buonasera,
il rischio di veicolare frammenti di pigmento eseguendo un'anestesia spinale sono facilmente eliminabili utilizzando un ago introduttore. Meno facile è l'uso dell'introduttore per l'ago da peridurale, tuttavia con un introduttore di calibro adeguato non è impossibile.
L'ago introduttore è un ago di lunghezza inferiore ai 2-3 centimetri che viene impiegato per forare la cute. L'ago per spinale o peridurale viene poi inserito nell'ago introduttore evitando quindi di veicolare frammenti di cute nello spazio subdurale o peridurale.

#2
Specialista deceduto
Dr. Giovanni Migliaccio

Concordo con le preoccupazioni del dr.Blasi, ma anche con la puntuale spiegazione del dr. Stella.
Vorrei però tranquillizzare maggiormente il collega Blasi, in quanto il rischio di infezione, a seguito di puntura lombare, deve sempre essere tenuto presente,adottando tutte le procedure di asepsi, a prescindere dalla presenza o meno del tatuaggio.

Vi sono diversi rischi e complicanze di tale procedura,tutto sommato abbastanza semplice, che devono essere conosciute da chi la pratica.

Mi permetto di allegare un link su tale argomento.

https://www.medicitalia.it/minforma/neurochirurgia/335-le-complicanze-da-puntura-lombare-rachicentesi.html

Cari saluti

#3
Dr. Nicola Blasi
Dr. Nicola Blasi

Vi ringrazio per queste precisazioni , ma le preoccupazioni sono partite dalla Collega Anestesista PAOLICCHI con questo suo articolo.
Saluto Luigi e Giovanni

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche gravidanza 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Ginecologia e ostetricia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati