Utente 253XXX
Buongiorno dottori,
ho 36 anni sono sportivo non bevo e non fumo. Circa 5 anni fa ho iniziato ad avere problemi prostatici (dolore, minzione frequente, sangue nello sperma ecc) dopo varie analisi (tamponi, spermoculture, ecografie, analisi del sangue PSA) l'unica cosa che è emersa è un leggero ingrossamento della prostata. A questi fastidi si sono aggiunti i primi problemi di erezione. Sentiti vari andrologi nessuno mi ha mai fornito una causa, ma mi hanno prescritto cialis da 5 mg da prendere ogni 3 giorni.Con il cialis le cose sono tornate alla normalità, anche se vorrei toglierlo e capire il perché del problema, fino alla settimana scorsa quando dopo il rapporto avevo un dolore all'asta in posizione flaccida.Toccando il pene ho notato una pallina. Ho consultato l'andrologo che mi ha diagnosticato:
Frenulo prepuziale breve;
Presenza di placca fibrocalcifia al terzo prossimale del pene lato dorsale.
Ha detto di mettere Dolaut Gel e massaggiare per 10 minuti la mattina per 15 giorni.
Di ritornare per l'intevento di frenulotomia e per l'ecografia con doppler del pene.
Gli ho chiesto se sospettava di un possibile IPP ed ha confermato.Ha anche detto che posso continuare ad avere rapporto con l'utilizzo del cialis.
Ora volevo chiedere l'intervento di frenulotamia è necessario. E non sarebbe consigliato non avere rapporti in questo momento di infiammazione.
Premetto che ho il pene curvo da quando mi ricordo (credo intorno ai 30-40 gradi) e mi da fastidio solo quando io sto sotto e la donna spinge.Mi sembra d aver capito che IPP può accentuare la curva fino a rendere impossibili i rapporti e che al momento non c'è una cura, ma l'assunzione di vitamina E e varie tecniche che possono essere molto costose e di dubbia efficacia (tipo ultrasuoni).Per questo vorrei affidarmi ad un buon centro di andrologia
Tuttavia ho letto che ci sono tecniche sperimentale come la plasmacellule arricchite o collagenasi da clostridium(Xiapex).
E' vero che danno ottimi risultati. Potreste spiegarmi la differenza. é vero che si può raddrizzare il pene curvo congenito.Ci sono centri in Italia.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Salve

con tutti i limiti di una risposta on line

Per quanto riguarda lo Xiapex quello che si vuole ottenere è una lisi , una eliminazione della placca

Con la PRP ( e l'uso del vacuum ) il tentativo è di creare una neoangiogenesi con una successiva buona risposta anche erettile

tutto è discutibile, chiunque può portare avanti le sue convinzioni, sempre nell'ottica di aiutare il paziente

Sicuramente qualche successivo collega che le risponderà sarà più esauriente e utile

Un caro saluto
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#2] dopo  
Utente 253XXX

Grazie dottore per la risposta.
Mi saprebbe indicare un ottima struttura andrologica in Italia sia pubblica che privata. Perché da come ho scritto sono più di 5 anni che vado in giro e butto soldi e nessuno mi ha mai dato risposte esaustive.

[#3] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Domanda giusta ma insidiosa perchè mi esporrebbe a preferenze o indicazioni che potrebbero essere di parte o interessate .
NOn la prenda come una risposta negativa nella sua lecita richiesta , la prego
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#4] dopo  
Utente 253XXX

Scusi dottor se l'ho messa in difficoltà, ma chiedevo solo se in Italia ci fosse qualche centro andrologico riconosciuto a livello nazionale, come il Rizzoli per l'ortopedia o il Gasslini per la pediatria.
Ritornando alla questione terapeutica lei quale approccio preferisce per curare IPP e soprattutto ha riscontrato soddisfazione da parte dei suoi pazienti.
Grazie mille

[#5] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Si esistono dei centri accreditati per l'uso di tale metodiche . Serve in effetti una autorizzazione ministeriale
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#6] dopo  
Utente 253XXX

Buongiorno dottore,
Lei mi ha risposto che esistono dei centri accreditati per l'uso di tale metodiche potrebbe dirmi quali o indicarmi b qualche sito che su internet non riesco a trovare nulla.
Grazie mille