Utente 439XXX
il mio fsh punta ai limiti massimi (11.65 mUI/ml) con gli altri esami ormonali nella norma, un varicocele 1 grado sx, due testicoli ai limiti per dimensioni (10 e 11 cc) ed un lieve idrocele a sinistra.
lh 3.18 prolattina 8.10 estradiolo 20 testosterone 5.02
lo spermiogramma 1.5 ml volume ph 8.5 spermatozoi/eiaculato 150 mila, per ml 100 mila motilità totale/progressiva 25 e 10%; 20% le forme normali.
coltura alcune colonie di stafllococco aureo e rare colonie di e.coli.
l'andrologo mi ha fatto fare una crioconservazione preventiva (5 "flaconcini" messi via con 100 mila spermatozoi molti dei quali vitali e funzionanti)
io volevo capire ma questo FSH ora 11.65 può continuare ad aumentare cioè prima o poi il mio spermiogramma potrà dire "azoospermia"?
le analisi genetiche sono apposto, cariotipo normale XY e nessuna delezione del cromosoma Y.
l'andrologo da la colpa al mio stato di obesità in fase di sviluppo che non avrebbe permesso ai testicoli di svilupparsi correttamente.

oltre queste indicazioni, ad oggi l'ho presa bene la situazione, ho la "fortuna" di avere rapporti sessuali non protetti con eiaculazione interna.. tanto non succede; e propio in tal proposito la mia ragazza ha un ritardo del ciclo di una settimana ed è sempre regolare.
può essere successo? con 100 mila spermatozoi?

GRAZIE

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore ha ragione il collega a farle congelare il sene, che non vedo alcuna possibilità terapeutica seria, e tali disfunzioni peggiorano nel tempo fino a non consentire la benché minima produzione di spermatozoi. Quanto alla possibile gravidanza della signorina: molto difficile ma non si mettano mai limiti alla divina provvidenza che fino s che ci sono spermatozoi c è speranza
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 439XXX

dottore nella sua vita professionale è mai capitato un paziente che sia riuscito ad avere un figlio con pochi spermatozoi in maniera naturale?

le posso chiedere propio fisicamente, a livello medico; non avendo problemi genetici cos'è che dovrebbe far incrementare il livello di FSH quindi andando sempre più verso azoospermia? c'è una spiegazione razionale?

gli spermatozoi congelati per quanto restano utilizzabili nel tempo?
ho 20 anni e nessuna intenzione di avere figli, poi chissà tra 10 anni; forse in questi anni quei spermatozoi congelati saranno belli che morti...

vorrei se possibile un contributo dagli andrologi del sito riguardo alla sua frase "non vedo alcuna possibilità terapeutica seria": scientificamente parlando non ci sono che so studi per far riprendere la spermatogenesi in un soggetto compromesso come me?
o anche tra 50 anni una persona nel mio caso non avrà alcuna terapia a disposizione?

ultimissima cosa; lei che ne pensa dell'obesità come causa? dimagrendo non cambierebbe niente?

GRAZIE

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
La miopia adolescenziale del fregarsene della paternità è egocentrica e quindi stupida: i figli si fanno in due, e quindi il desiderio di figli può coinvolgere la sua fidanzata o moglie.
Se vuole pensare che i suoi spermatozoi muoiano in qualche anno è un suo atteggiamento di comodo: la crioconservazione degli spermatozoi dura almeno 20 anni.
Se le dico fino a che c è spermatozoi c è speranza avrò le mie ragioni, non crede?
La spiegazione al suo problema c è: sono errori di replicazione del patrimonio genetico insorti fra la 4 e la 8 settimana di vita endouterina, tali errori non sono correggibili poiché riguardano il patrimonio genetico stesso e sfuggono completamente alle indagini cliniche. Sia io che il suo andrologo la pensiamo allo stesso modo. Se vuole sentire altri pareri faccia. Per quanto mi riguarda quanto le dovevo le ho detto.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org