Utente 481XXX
Buona sera, sono un ragazzo di 30 anni affetto da dolore facciale atipico trigeminale e uso rivotril 8 gocce al mattino e 8 gocce alla sera da 4 anni, ho fatto vari interventi chirurgici ma il dolore non è andato via tra cui ultimo neuromodulatore midollare. Negli ultimi mesi ho cominciato a soffrire di disfunzione erettile dovuto al farmaco, ho fatto tutti gli esami ma il testosterone risulta nella norma, solo serotonina e dopamina hanno valori bassi mentre la prolattina ha un indice alto rispetto alla media....... purtroppo non posso interrompere il farmaco...... ho effettuato ecodoppler peniero e non ho nessun problema, mi è stata data la cura di tadalafil 5 gr una volta al di e fare le onde d’urto per 6 settimane........ volevo chiedere se questa terapia può essere quella giusta per una persona che dovrà fare ancora uso di una benzodiazepina per molto tempo...... grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
non comprendo il razionale dell'uso delle onde d'urto (suppongo a bassa intensità) che hanno il loro effetto terapeutico in chi ha problemi circolatori, grazie allo stimolo a produrre nuovi vasi sanguigni. E questo non è il suo caso, alla luce della sua età e dell'esito del color doppler.
Cordialmente,

Dott. Edoardo Pescatori
www.andrologiapescatori.it

[#2] dopo  
Utente 481XXX

Gentile dottore le onde d’urto sono a bassa intensità, purtroppo per tenere il dolore trigeminale a bada devo usare il rivotril, per una normale vita sessuale basta solo il tadalafil grazie in anticipo........ come ci si comporta in questi casi

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Non sono certo che sia il Rivotril la causa della sua difficoltà erettile. Accennava a prolattina alta; questo dato va sicuramente definito in ambito andrologico e, se necessario, endocrinologico. Va anche presa in considerazione la possibilità di una componente psicogena del problema, ma tutto ciò va valutato direttamente con il suo Andrologo di riferimento.
Cordialmente,

Dott. Edoardo Pescatori
www.andrologiapescatori.it

[#4] dopo  
Utente 481XXX

Grazie; cordiali saluti