Utente 467XXX
Salve
In seguito ad un infezione da Escherichia coli curata con un ciclo di antibiotici e fermenti lattici mi ritrovo oggi ad aver debellato il batterio ho effettuato due spermioculture con esito negativo ma dopo un periodo di apparente sollievo mi sono tornati gli stessi sintomi, sensazione di fastidio fra ano e testicolo dolore allo stesso testicolo soprattutto dp eiaculazione e quello che più mi agita una eiaculazione precoce di cui non avevo mai sofferto prima. Tornato dal mio andrologo di riferimento mi ha effettuato una ecografia pubica e ha trovato la prostata di piccole dimensioni ma con l’esame digito rettale ha trovato il lobo sinistro infiammato a sua detta non di molto anche se ho sentito molto dolore durante l’esplorazione... come cura mi ha dato un ciclo di 7 giorni di levoxacina tre giorni di topster una volta al di integratore esaprost e fermenti lattici per un mese e alimentazione e idratazione
Leggendo su questo sito sembra che questo problema non abbia cura e che quasi bisogna imparare a conviverci il mio medico mi ha detto che che passa io ad oggi sono molto sconfortato
Possono essere curate le prostatiti anabatteriche?
E problemi come dolore allo scroto e soprattutto eiaculazione precoce vengono debellati con la cura?
Andando per logica un infiammazione se curata passa perché alla prostata è così difficile invece?

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

corrette le sue deduzioni finali; la questione sta proprio in questi termini.

Se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-terapeutiche.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html

https://www.medicitalia.it/salute/urologia/7-prostata.html

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com