Utente 452XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 20 anni, fino al 2015 soffrivo di un problema della pelle del prepuzio troppo stretta (di fatto era una fimosi), tanto che mi era stato consigliato un intervento chirurgico. Poi, con esercizi, e forse anche grazie alla masturbazione, sono riuscito ad arrivare a scoprire completamente il glande e a ridurre la sua ipersensibilità. Ora riesco a scoprire il glande senza problemi, se non forse una leggerissima tensione durante l'erezione se spingo la pelle del prepuzio alla base dell'asta.
Per convinzioni personali voglio astenermi dalla masturbazione. Vi chiedo se questo mi possa danneggiare, facendo regredire il problema della pelle del prepuzio (che come ho detto, in passato era di fatto una fimosi), aumentando la sensibilità del glande non stimolato come prima, o addirittura portando a problemi nei rapporti sessuali futuri (ad esempio di eiaculazione precoce, dato che anche ora a volte ho difficoltà a controllarmi).
Questi problemi, se si manifestassero, potrebbero essere affrontati anche in modo alternativo alla masturbazione?
Mi scuso per le tante domande, ma vorrei capire come comportarmi, in quanto non vorrei ritrovarmi con una fimosi o con problemi di eiaculazione per mancanza di "allenamento".

Vi ringrazio in anticipo e Vi saluto cordialmente.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

è possibile fare della "ginnastica prepuziale", approfittando eventualmente delle sue erezioni spontanee, senza arrivare ad una vera e propria masturbazione se "per convinzioni personali vuole astenersi da questa attività sessuale"; senta comunque ora in diretta sempre il suo andrologo di fiducia.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione clinica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com