Utente 179XXX
Salve
Ho già fatto visite in passato da un paio di andrologi che si sono limitati a prescrivermi degli anti depressivi per combattere la mia eiaculazione precoce. Ma nulla. Non cambiava nulla né in meglio né in peggio.
Sto avendo solo ora una seconda relazione con una ragazza, che mi ha fatto notare una cosa che in vita mia non avevo mai notato, non potendo avere una possibilità di comparazione: il mio pene è troppo eretto verso l'alto. E' praticamente un'asta che va verso l'alto e quando la ragazza che ora frequento me l'ha fatto notare, ho notato che praticamente in tutti i porno che guardo (anche in quelli amatoriali) il pene degli attori è sempre eretto per così dire a mezz'aria o in casi rari addirittura verso il basso. In centinaia di porno che ho cercato non trovo mai un pene eretto verso l'alto come il mio. Per intenderci io non riesco proprio ad allontanarlo dalla pancia quando è eretto, se non veramente di poco. E se ci riuscissi significa che sto perdendo l'erezione e non sto godendo. Cosa che comunque durante un rapporto non capita.
Mi chiedo se tutto ciò possa c'entrare qualcosa con la mia eiaculazione precoce sebbene non sia realmente precoce vista la mia durata di qualche minuto, ma comunque trattasi di durata abbastanza breve per un rapporto. Ma soprattutto mi chiedo come sia possibile che la mia erezione sia così potente e diversa dalla media delle erezioni umane.
Altra particolarità è che nel masturbarmi con il movimento della sega io non mi senta pienamente soddisfatto nell'eiaculare e infatti non resisto nello sfogarmi in un altro modo che preferisco 10mila volte di più: strofinare il dito sul frenulo. Solo questo porta a sfogarmi davvero del tutto, tant'è che se non mi sfogo così, continuo a sporcarmi la mutanda ancora a distanza di qualche minuto perché continua ad uscire a poco a poco il liquido che non sono riuscito a sfogare. Questo influenza molto anche i miei desideri visto che preferisco più ricevere un rapporto orale (perché con questo ho solo la sollecitazione del frenulo) piuttosto che l'atto sessuale vero e proprio, dove tra l'altro duro molto poco.
Non lo so. Mi sento molto diverso dagli altri per questo motivo. Non che sia realmente un problema per me, ma la mia è più una curiosità, specie se può servire a farmi capire come durare finalmente di più a letto.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si arrovelli sull’anatomia del suo pene; è arrivato il momento di sentire in diretta un terzo andrologo, esperto in problematiche sessuali, e con lui discuterei, sempre in diretta, il suo attuale problema legato ad una mancanza di controllo dell’evento eiaculatorio.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/news/andrologia/6691-eiaculazione-precoce-fattori-scatenanti.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-quando-il-rapporto-finisce-troppo-presto-eiaculazione-precoce.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1253-news-dal-pianeta-eiaculazione-precoce.html

ed ancora mi ascolti a questo link:

https://www.medicitalia.it/public/video/pillole-salute/37-eiaculazione-precoce-beretta-27-02-14.mp3

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com