Utente 565XXX
Salve vorrei porvi sotto la vostra attenzione la mia situazione attuale sono un ragazzo di 33 anni e da circa un anno e tre mesi ho una assenza totale di libido, un assenza totale di eccitazione, ed una assenza di erezioni spontanee durante il giorno, non mi eccito nemmeno davanti ad una donna nuda, ho fatto un controllo andrologico totale qualche mese fa con visita ecografia ed analisi ed è risultato tutto nella norma, ma la situazione invece di migliorare peggiora, fino a qualche mese fa riuscivo ad avere una erezione manuale e riuscivo ad arrivare alla eiaculazione ma senza sentire assolutamente nulla sia durante la stimolazione sia durante l eiaculazione, adesso l erezione manuale avviene con grandissima difficoltà il pene non diventa più rigido come prima ma resta mezzo flaccido inoltre come interrompo la stimolazione manuale perdo al istante l erezione ma riesco sempre ad arrivare alla eiaculazione sempre senza non provare niente ma adesso quando eiaculo ho notato non ci sono più le contrazioni ritmiche che avevo prima al pene ed anche in questo caso non avverto nulla durante la stimolazione e durante l eiaculazione ne a livello fisico né a livello mentale. Inoltre voglio precisare che da ragazzo parlo dai sedici anni in poi anche se ero attratto dalle donne la mia libido si manifestava una volta al giorno e dopo una masturbazione con orgasmo per sentire di nuovo la libido ed avere una nuova erezione dovevano passare almeno 20 ore mentre ho letto che normalmente un ragazzo di 18 anni dovrebbe avere un periodo refrattario di 10 15 minuti inoltre dopo un rapporto sessuale completo non avvertivo libido e non avevo erezioni anche per due tre giorni e credo che anche questo per un ragazzo non sia una cosa normale. Inoltre posso dirvi che raramente avevo l erezione mattutina e che non mi ricordo mai di avere avuto una polluzione notturna anche se facevo sogni erotici. Secondo voi cosa potrei avere? In attesa di un gentile riscontro porgo cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

situazione clinica la sua particolare e, in qualche modo, da considerare "complessa"; in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è purtroppo impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/blog/andrologia/5167-10-consigli-mantenere-erezione.html

https://www.medicitalia.it/salute/andrologia/111-disfunzione-erettile.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 565XXX

La ringrazio per la gentile risposta, ma sono stato da un andrologo il quale mi ha fatto fare ecocolordoppler penino, ecografia addome completa, ecografia prostatica transrettale, ecografia testicolare e vari esami del sangue tra cui testosterone totale è libero, tutti gli esami fatti sono risultati nella norma e pertanto lui ha escluso cause organiche. Voglio esprimerle un dubbio perché quando avevo 11 anni ho sbattuto in modo violento la nuca contro uno spigolo, non ho dato molta importanza al fatto quando è accaduto e non ho fatto nessuno controllo, però noto che dove ho sbattuto il cranio presenta una leggera fossetta, non vorrei che sia stato questo trauma a determinare questa mia condizione. Secondo lei è il caso di fare una risonanza magnetica encefalica per vedere se il problema può dipendere da qualche lesione al cervello ? La ringrazio di nuovo per la sua risposta.

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non drammatizzi il trauma avvenuto qualche anno fa e senta ora in diretta il suo medico di famiglia ed il suo andrologo di fiducia e, se esclusa una causa organica, valutare l’eventuale necessità di sentire in diretta anche un bravo ed esperto psicologo.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 565XXX

Grazie ancora