Sessualità con lesione midollare

Buon giorno, mi scuso se ripropongo la domanda, però purtroppo ho dovuto rimandare la visita prenotata con lo specialista a causa dell'ermergenza Covid-19 e non ho precedentemente ricevuto risposte da parte Vostra a questa problematica per me importante, sia a livello fisico che psicologico.

Ho una lesione midollare incompleta L1-D12, dopo aver ripreso ormai da tempo a camminare bene e per lunghe distanze grazie a molta fisioterapia, nel novembre 2018 mi sono sottoposto all'infusione di tossina botulinica per risolvere definivamente l'incontinenza urinaria.
Il medico dell'Unità Spinale che ha effettuato l'infusione mi ha detto che con essa probabilmente avrei perso per alcuni mesi la funzione orgasmica e l'eiaculazione, che comunque avevo in passato conservato tramite la masturbazione.
Però fino ad oggi non è tornata nè la funzione orgasmica (provo piacere ma non fino all'orgasmo) e nè l'eiacuzione, nonostante la protesi peniena impiantata lo scorso anno, la quale ha risolto benissimo il problema della disfunzione erettile.

Ora, vorrei gentilmente chiedere se esistono terapie farmacologiche per risolvere questa problematica.


Ringrazio in anticipo e porgo cordiali saluti
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

se lesione incompleta, oltre al trattamento già subito, bene considerare anche eventuali problematiche psicologiche e relazionali.

Detto questo si ricordi ancora che comunque sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento per poterle dare poi eventualmente un’indicazione clinica precisa.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio dott.Beretta, buona giornata
[#3]
Dr. Patrizio Vicini Urologo, Chirurgo plastico, Andrologo 1,5k 39 13
Caro lettore
Non ho capito se la funzione eiaculatorio dopo il trauma era inizialmente presente o fin da subito assente...
Nel caso della seconda ipotesi la patologia e' di tipo organico...nel primo caso può essere di tipo psicologico.
Cordiali saluti.

Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#4]
dopo
Utente
Utente
Dr. Vicini, Le spiego meglio perchè la cosa è strana anche a me: all'inizio parlo, quasi due anni, non ho neanche pensato alla sessualità, perchè troppo preso dalla paura di non tornare a camminare e dai problemi relativi all'incontinenza urinaria e fecale. Dopo aver risolto quest'ultima con una colostomia, ho iniziato a "sbloccarmi" e pensare al sesso, tramite la masturbazione piano piano ho riacquistato sia l'orgasmo che l'eiaculazione. Nel frattempo l'androlgo che mi seguiva tentava sia combinazioni farmacologiche (viagra, cialis ecc..) che punture intracarvernose, ma l'erezione arrivato solo tramite la masturbazione manuale e non si protraeva da sola. Poi ho provveduto all'impianto di protesi peniena, e ora l'erezione funziona molto bene e riesco ad avere capacità penetrative. Però l'anno prima dell'operazione per l'impianto protesico ho effettuato l'infiltrazione di tossina botulinica, e l'urologo mi disse che probabilmente avrei perso la capacità orgasmica ed eiaculatoria, cose che si è verificata e permane tutt'ora.
[#5]
Dr. Patrizio Vicini Urologo, Chirurgo plastico, Andrologo 1,5k 39 13
Ma effetti con tossina botulinica mica sono perenni...si riassorbe...
Non capisco.
La protesi peniena non altera orgasmo ed eiaculazione.
Saluti.

Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#6]
dopo
Utente
Utente
infatti neanche io capisco Dr Vicini, appena possibile prenderò una visita con l'andrologo dell'Unità Spinale, comunque io assumo come psicofarmaco la setralina-zoloft, e ho letto su internet ieri che può creare problemi di natura sessuale, potrebbe influire anche nel mio caso secondo Lei?
Grazie
[#7]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

la Sertralina può, in alcuni casi alzare i tassi di prolattina e ridurre il desiderio sessuale, non è nota la sua azione negativa sull’eiaculazione.


Senta o risenta ora il suo andrologo di riferimento e, se desidera comunque avere più informazioni dettagliate su questi temi, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/231-farmaci-interventi-possono-danneggiare-sessualita-maschile.html

Altri suggerimenti infine li può trovare anche sul mio libro: Disfunzioni sessuali maschili. Guida alla scoperta delle cause e delle terapie , Edizioni del Cerro - Pisa.

https://www.unilibro.it/libro/beretta-giovanni/disfunzioni-sessuali-maschili-guida-scoperta-cause-terapie/872551

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#8]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio dott.Beretta, sono in attesa della possibilità di prenotare una visita specialistica, molto interessanti e utili i Suoi articoli.
Grazie, buona serata a Lei e al dott.Vicini.
[#9]
Dr. Patrizio Vicini Urologo, Chirurgo plastico, Andrologo 1,5k 39 13
La centralina può causare alterazioni della sfera sessuale come è stato indicato dal collega Beretta.
Le rinnovo i saluti.

Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio