Attivo dal 2014 al 2017
Sono in cura con Betabloccante piu diuretico e ace inibitore , da un po di tempo la pressione è un po alta 150 85 155 90 ma questo sempre quando non sono a riposo , se la misuro dopo 5 minuti da seduto e 120 80 130 85 , se invece la misuro da sdraiato 100 65 70 il mio cardiologo dice di non preoccuparmi e dice che è fisiologico un aumento durante i movimenti , importante è che rientri dopo pochi minuti lui lo ha chiamato recupero, di tutt altro parere è il mio medico di base che dice di aggiungere un calcio antagonista a dosaggio basso Lacirex 2 mg. Ho letto che il calcio antagonista è piu indicato per la pressione diastolica, e poi e possibile assumere Betabloccante Ace inibitore e Calcio antagonista insieme? Quale è la reale pressione da tenere conto da seduti sdraiati oppure in movimento. Grazie a chi vorrà rispondermi. Cordialmente.

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
salve,
la P.A. deve esere tenuta al target raccomandato dalle Società internazionali di cardiologia e Ipertensivologia che è 120/70mmhg.
Quindi il suo cardiologo dice delle grandissime fesserie.
Da quello che dice lei non è a target e gli organi bersaglio sono esposti ai danni dell'ipertensione.
La cosa migliore da fare è applicare un Holter Pressorio/24h (ABPM) con la terapia in atto per verificare quanto durante la giornata la sua P.A. sia fuori controllo.
Poi la terapia potrà essere modificata se necessario.
L'aggiunta di un calcio antagonista all'ace inibitore è una scelta più saggia che l'associazione del duiretico, pure non malvagia dato che lei è sovrappeso e deve mangiare di meno e con meno sale e muoversi di più (1 ora di passeggiata a passo svelto al giorno è un toccasana).
Più che il la Lacidipina io sto trattando molti pazienti con la nifedipina a rilascio controllato (Adalat Crono) che non ha nulla a che vedere con l'adalat crono di 15 anni fa che spesso cedeva la nifedipina tutta di un colpo provocando malessere ma che è un prodotto di alta ingegneria farmacologica che assicura una cinetica zero, livelli costanti nelle 24 , è disponibile in vari dosaggi ed è amica del cuore e dei reni.
ne riparliamo se vorrà dopo l'Holter pressorio.
cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Attivo dal 2014 al 2017
Grazie Dottore lei e sempre molto chiaro nelle risposte , ma purtroppo holter non sono mai riuscito a farlo , perchè mi procurava molto ansia , ho provato 2 volte ma gia alla terza misurazione ho dovuto toglierlo Forte tachicardia e pressione altissima mai avuta cosi alta , Allora il mio medico curante mi disse di misurami la pressione ogni mezz ora , questo anche di notte , ho fatto il sacrificio ed i risultati a detta del medico non erano preoccupanti in quanto la notte la minima era 55 60 la massima 85 95 la mattina nessun picco da seduto invece 145 150 85 90 in piedi ma subito rientrava, sui 120 80 le trascrivo referto ecodoppler Ventricolo sx di normali dimensioni intracavitarie e cinesi , lieve ipertrofia delle pareti . Arching sistolico del lam.Sclerosi valvoare aortica senza interferenza con flusso emodinamico, atrio sinistro nei limiti, sezione destre nei limiti,normale funzione ventricolare destra., le chiedo un parere sul Lacirex cioè praticamente dovrei iniziare terapia Bifril 15 mg ore 730 Lacirex 2 mg ore 11 Tenoretic 50 mg alle 0re 16 e biril 15 alle 0re 19 cosa ne pensa?Un ultima cosa ma perchè da sdraiato la pressione è sempre bassa? La ringrazio e aspetto il suo illustre parere. Grazie ancora.

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
lei ha già una lieve ipertrofia delle pareti ventricolari.
Questo è il segno più lampante che la sua ipertensione non è controllata. Ha già un'aortosclerosi. A 70 anni come vuole arrivarci da sano o da cardiopatico?
Mi scusi ma se va in panico per un banale holter pressorio lei, non se la prenda, ha necessità di curare la sua sinrome ipocondriaca con adeguati farmaci da uno specialista della psiche.
Il Tenoretic è una associazione di Atenololo 50 mg+Idroclorotiazide 12.5 mg: l'atenololo va preso in due somministrazioni al giorno perchè non la copre per 24 h; è molto bradicardizzante ma ha una potenza intrinseca antiipertensiva di molto inferiore a beta bloccanti di ultima generazione, come il Nebivololo che ha una durata di 24 h effettiva e una azione stimolante la via del nitrossido molto utile per l'endotelio.
Il Bibril è la riesumazione di un vecchio IACE, sintetizzato più o meno ai tempi del captopril, mai utilizzato dopo la sintesi dell'Enalapril che non ha il gruppo sulfidrilico, rimesso in auge perchè il brevetto non è scaduto e la ditta che lo commercializza ci può trarre ottimi vantaggi economici. Non ha nessun vantaggio clinico.
Meglio il Quinapril, se vuole la monosomministrazione, con forte legame con l'ACE tissutale e ottimo effetto antiipertensivo.
La Lacidipina non offre nessun vantaggio rispetto alla Nifedipina a rilascio programmato o anche all'ottima Amlodipina besilato: viene associata con il Bifril perchè sia questo che il lacirex sono distribuiti dalla stessa azienda e in genere si "aiutano gli informatori".
Parli di tutto questo con il suo curante e si faccia impostare la terapia: noi per via telematica non possimo farlo.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#4] dopo  
Attivo dal 2014 al 2017
La ringrazio ma non credo che sia holter il mio problema principale , sono un soggetto ansioso lei che è medico sa benissimo che l ansia non la si gestisce ma purtroppo si è vittime di questa"malattia" Praticamente lei ha messo in discussione tutti i farmaci che 3 cardiologi mi hanno dato e che praticamente il mio cuore e messo male per una lieve ipertrofia delle pareti e un inizio di sclerosi della valvola aorta , per Ipertensione mi ha consigliato ne parlerò con il medico , per la sclerosi cosa mi consiglia ? Un intervento ? La ringrazio .

[#5]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Nessun intervento.
Deve solo ottenere un eccellente controllo pressorio che lei non ha in questo momento.
L'ansia è una malattia: ha paerfettamente ragione ed è anche una malattia che rende la qualità di vita di chi ne è affetto davvero pessima.
Oggi lo psichiatra con farmaci adatti, sicuri, maneggevoli ed efficaci la guarisce.
Volersi ostinarsi a non curarla è segno di una mentalità risalente al IXX secolo...... Scusi ma io non sono per natura portato ad inzuccherare le pillole: lo lascio pare a Mary Poppins.....
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#6] dopo  
Attivo dal 2014 al 2017
Lei è un grande. Grazie!!!

[#7] dopo  
Attivo dal 2014 al 2017
Dottore sono stato dal medico e mi ha dato le sue spiegazioni , mi ha detto che prima assumevo lobivon 5 mg e Combisartan 20 mg poi aumentato a 80 mg ma la pressione era sempre sui valori limiti e piu alta , soffrendo anche da stress da camice bianco ogni ecg i battiti arrivano anche a 130 tachicardia sinusale , allora il cardiologo mi prescrisse Atenolo da 100 +25 ma era troppo forte decidemmo 50+12,5 da allora ad ogni ecg i miei battiti non superarono mai i 90 la tachicardia è solo un brutto ricordo , quindi l Atenolo anche se come lo definisce lei vetusto ha fatto e sta facendo il suo dovere. Per il bifril mi ha detto che recenti studi hanno evidenziato che solo il lisinopril è superiore sia come cinetica che come emivita. MI ha anche ricordato che appena ho iniziato la cura circa 2 anni fa la massa ventricolare sx era 350 g in 2 anni di cura è scesa a 190 la PAP era 70 adesso è normale 24 mmgh quindi la cura sta facendo il suo effetto. Mi ha anche sottolineato che il mio è un problema di iperreattività del nervo simpatico . Sicuramente ho il problema di ipertensione ma chi è iperteso lo è sempre in qualunque modo si misuri la pressione la troverà alta. Siccome ho iniziato da pochi giorni il lacirex 2 mg ha detto di attendere un paio di settimane è se a livello ortostatico la pressione tende a rimanere alta fare anali aldosterone e indagare sul nervo simpatico.La ringrazio e mi scuso per la lunghezza. Con stima, Grazie

[#8]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Va bene,
io i miei consigli glieli ho dati.
Sulla fesseria che solo lo Zestril (il lisinopril) è superiore allo Zofenopril, significa che ha studiato bene la brochure che ha lasciato l'informatore.
E se pure fosse così perchè non le prescrive lo Zestril in unica somministrazione giornaliera?
Questi recenti studi quali sono? Quelli del gruppo Menarini, della serie "Cicero pro domo sua?"
Guardi il suo medico può abbindolare lei e lei è padrone di farsi raccontare tutte le falsità che le ha detto. Di crederci anche.
Compreso che chi ha la pressione alta non può mai essere portato a target.
Non ho voglia di fare polemiche con un collega ignorantissimo e in malafede: si faccia curare il suo nervo simpatico e tanti auguri e ogni bene per lei.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#9] dopo  
Attivo dal 2014 al 2017
Egr dott quello che lei scrive è grave per la classe medica non puo dire farsi abbindolare , lei è passibile di querela , poi da uomo di scienza deve accettare il contradditorio in effetti voleva prescrivermi il zestril ma io ho preferito contattare un centro ipertensivo e poi non puo sparare sentenze senza conoscere un paziente se non puo dare terapie online non può neanche ddenigrare altri farmaci ed altri colleghi. questa è l ultima volta che vi scrivo anzi provvedero ad effettuare la cancellazione perchè senza contradditorio non si puo giudicare.

[#10]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Scusi ma querela da chi?
se non sappiamo neppure chi sia lei e di conseguenza il suo medico?!
Poi l'istituto della querela è stato abolito dal codice Penale: non lo sapeva?
Il suo medico anonimo esprime le sue deduzoni e io, che ci metto nome e cognome, sono libero di dire che lo Zofenopril è un farmaco di una mediocrità assoluta.
Il suo medico forse ha dimenticato i quintali di studi che ci sono sul Ramipril, per esempio, in termini di riduzione della mortalità cardiovascolare e cerebrovascolare. Ha dimenticato lo Studio ONTARGET, che è una pietra miliare della farmacologia antiipertensiva. Tanto per citargliene uno.
E qui mi fermo perchè ho l'impressione che lei sia un bipolare.
Si curi il simpatico e se vuole si cancelli pure.
Saluti.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola