Utente 326XXX
Buongiorno,

sono una donna di 39 anni, alta 170 per 93 kg di peso. Faccio una vita sedentaria, ho smesso di fumare da circa 3 settimane, non faccio uso di alcol. Da qualche settimana, a seguito di una brutta influenza tratta con antibiotici per tosse persistente, ho iniziato a sentirmi molto debole così mi sono misurata la pressione e l'ho trovata alta, sopratutto la minima. Premetto che ho avuto episodi di pressione alta in adolescenza (17/18 anni), ho fatto analisi e holter pressorio ma non è venuto fuori nulla. Gli altri due episodi di pressione alta sono stati riscontrati nelle mie due gravidanze, entrambi trattati con aldomet 250 due pasticche al giorno, ho partorito a termine con parto naturale ma indotto. Ho fatto l'holter pressorio durante la gravidanza e dopo e i parametri sono risultati nella norma. Invece da tre settimane ho la minima veramente alta, con picchi anche di 110/120, la massima invece si aggira intorno a 140. Il mio medico curante mi ha fatto fare le analisi del sangue e sono risultati i seguenti valori un po' al limite: glicemia 107 - hdl 31 - colesterolo 179 - trigliceridi 148 - gamma gt 45 - gpt - 57 - ves 49 - 25 oh vitamina d 23.40 - proteine 50.
Ora per le transaminasi e la ves mi ha detto il mio medico curante di stare tranquilla in quanto avevo finito due giorni prima il ciclo di antibiotici.
Per il resto invece mi ha detto di mettermi a dieta (cosa che sto già facendo) e di riprendere aldomet 250 due volte al giorno. Con la pasticca la pressione si è normalizzata. Però mi sento costantemente affaticata, ho fisso un senso di stanchezza, mi viene il fiatone anche a fare le scale, ho quasi sempre un senso costante di stordimento e di debolezza e a volte, sopratutto dopo i pasti mi sento quasi come se mi dovessi svenire. Premetto che in questo periodo sto passando anche un fortissimo momento di stress dovuto a circostanzi personali. Sabato ho la visita dal cardiologo per fare un elettrocardiogramma e l'ecocardiogramma, ma ora sono davvero impaurita, ho paura di aver avuto per molto tempo la pressione alta senza accorgermene e adesso mi viene presentato il conto. Resto in attesa di un vostro gentile riscontro. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Faccia la valutazione cardiologica e poi ne riparliamo. L'Aldomet è una terapia che viene utilizzata per il controllo dei valori pressori durante la gravidanza, ma al di fuori di essa ci sono farmaci più indicati, che sicuramente il cardiologo le saprà consigliare.
cordialità
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 326XXX

Grazie mille per la risposta celere.
Dimenticavo di dirle che in questo periodo ho spesso i battiti accellerati 77/100 battiti per minuto e che soffro della sindrome dell'ovaio policistico.
Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
I battiti possono dipendere dallo stress che lei riporta, ma per quello occorre affidarsi ai consigli di uno psicoterapeuta, non di un cardiologo.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#4] dopo  
Utente 326XXX

Salve,
Ho effettuato visita cardiologica, per fortuna è risultato tutto nella norma, però ha riscontrato la pressione alta e quindi mi ha detto di prendere mezza pasticca di nebivololo. Tutto bene solo che i battiti cardiaci sono scesi a 53. Non sono un po'bassini?