Utente 477XXX
Buongiorno signori medici, inizio col dire che assumo una terapia con Tareg 80mg alle 8, Atenolo da 50mg alle 18 e Tareg da 40mg alle 21. Ieri sera sono stata al pronto soccorso per una crisi ipertensiva, avevo una pressione di 180/90, in ospedale mi è stato somministrato il lasix e la pressione è diminuita.Stamattina ho 109/60, la mia domanda è posso continuare a prendere la terapia che prendo sempre anche con una pressione "bassa"? Stamattina dovrei prendere il Tareg da 40 mg invece che da 80?
Ringrazio anticipatamente per le eventuali risposte.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
E' strano che una persona giovane come lei sia in trtattamento per ipertensione.
Ha eseguito tutti glui esami per escludere un'origine secondaruia della sua ipertensione (dosaggi ematici ed urinari, ecodoppler arterire renali, ecografia dei surreni?).
Detto questo il Tareg (valsartan) deve essere somministrato in un'unica somministrazione mattutina e non in due dosi distinte. mentre invece l'atenololo , che dura in circolo 12 ore andrebbe assunto due volte al di e non certo alle ore 18.
Essendo lei una persona molto giovane e di sesso maschile, inoltre se proprio dovesse essere necessario un beta bloccante, mi orienterei piu' verso il nebivololo che verso l'atenololo.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 477XXX

Egregio dottor Cecchini sono profondamente dispiaciuto, devo porle le mie scuse è stata una mia dimenticanza, non dirle che si tratta di mia mamma. Lei ha 55 anni e soffre di ipertensione, la cura che le ha prescritto il cardiologo dell'ospedale è quella citata prima. La domanda rimane sempre quella, lei deve continuare la terapia che fa sempre anche con una pressione cosi "bassa"? La ringrazio e mi scusi ancora.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non c'e' bisogno di alcune scuse, tranquillo.

Direi che i suggerimenti per cio' che concerne la terapia farmacologica in atto rimangono identici.
Mi pare una terapia un po'...sconclusionata.
Si raccomandi almeno che beva almeno 1,5 litri di acqua al di.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 477XXX

Grazie mille per la sua tempestiva risposta dott.Cecchini