Utente 416XXX
Buongiorno dottori

Vedendo anche i miei consulti precedenti, traspare un'ipocondria che è purtroppo ancora da curare. Per un po' è andata meglio, poi è peggiorata di nuovo. Ricomincerò a breve la terapia psichiatrica, ora sono in cura, temporaneamente, con xanax tre volte al giorno.

Passata da fissazione per i battiti attraverso altre mille paure, da un po' di tempo la mia fissazione è rivolta alla pressione arteriosa. L'ho sempre avuta bassa/normale quando provata in situazioni di tranquillità. Il problema adesso è che fatico a provarla rimanendo tranquilla perché ogni volta mi agito tantissimo quasi da avere un attacco di panico e la trovo altina (145/90). Quando la misuravo riuscendo a stare tranquilla, 115/70 circa.
Ho fatto visita cardio completa a settembre 2016, normale.

La mia domanda è semplice: lasciare lo sfigmomanometro dov'è e lasciar perdere le misurazioni, anche tenendo conto della mia età? Ogni quanto andrebbe misurata la pressione a 25 anni? Mamma e papà sono ipertesi. Il medico di base mi dice di lasciar perdere, che se sviluppero ipertensione non sarà certo a quest'età. Ma volevo, da buona ipocondriaca, un altro parere.

Vi ringrazio.

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Concordo sull'abbandono dell'idea di misurare la pressione arteriosa. Non ce n'è alcun motivo razionale e farlo alimenta solo la sua ansia.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 416XXX

La ringrazio gentile dottore.

È inoltre vero ciò che ha detto il mio medico, che se in futuro svilupperò ipertensione vista la familiarità non è comunque questa l'età? Intorno a che età dovrei iniziare a tenere monitorata la pressione perché potrei svilupparla e ogni quanto dovrò farlo?

Grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Tra i 40 e i 50 anni
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#4] dopo  
Utente 416XXX

Grazie dottore mi ha molto tranquillizzata.

Buon lavoro