Utente cancellato
Gentile dottore, salve. A causa di problemi di stomaco (ernia iatale e gastrite accertati da gastroscopia) legati soprattutto a un fattore ansioso, periodicamente faccio una cura con levopraid compresse prima dei pasti e gavisvon dopo i pasti. Poco fa, mentre ero seduto a tavola per mangiare (avevo preso il levopraid tre quarti d'ora prima) all'improvviso ho iniziato ad avvertite delle extrasistoli fastidiose che, alzandomi, si sono intensificate e si sono mischiate alla tachicardia che mi aveva causa in parte l'ansia (ho sporadici attacchi di panico) e in parte la digestione (avverto spesso tachicardia dopo pasti abbondanti) . Dopo un paio di queste "botte" al petto, il cuore ha proseguito con la tachicardia fin quando non sono andato in bagno. Premetto che il pomeriggio (2 ore prima di prendere il levopraid) avevo bevuto una birra (non so se possa esserle utile ai fini della risposta). La mia domanda è la seguente: può il levopraid avermi causato questa reazione (extrasistoli e forte tachicardia)? Considerando che alla fine del pasto mi sentivo pesante e per questo fui costretto poi a correre in bagno per liberarmi da quella sensazione di indigestione. Recentemente ho effettuato un controllo cardiologico risultato nella norma (rarissime extrasistoli all'holter, eco ed ecg normali). Sarebbe il caso di ripeterli dopo questo episodio? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
non penso che il levopraid abbia nessuna colpa di cio che è successo.
arrivederci


cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
487714

dal 2018
Buongiorno dottore. Grazie. Questo fenomeno può essere dipeso da una distensione gastrica (mista ad ansia) per aver mangiato qualcosa che non ha fatto bene al mio stomaco e/o intestino? Il mio gastroenterologo così mi ha spiegato. Alla fine ho sospeso il levopraid e credo che dal prossimo ciclo di cura ripristineró il domperidone. Secondo lei occorre che esegua nuovamente un eco o un ecg?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Puo' darsi che l'aerofagia e il meteorismo le abbia provocato quei banali disturbi.
Non necessita di particolari accertaemtni cardiologici

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
487714

dal 2018
Buona giornata Dottore e infinite grazie per il suo consulto.