Utente 487XXX
Esimi dottori, buongiorno. Ho 30 anni e sono ormai un ipovedente di grado elevato. Ho la vista in un solo occhio con visus di 1/20, a seguito di cataratte congenite, ambliopia ed ora nell'occhio superstite si é presentata una maculopatia che ha portato il visus appunto da 6/10 ad 1/20. Per gli occhi mi sottopongo a numerose visite specialistiche anche presso il San Raffaele di Milano. La patologia mu porta a soffrire molto di emicranie ed ho fatto uso di molti antinfiammatori es aulin. Tuttavia in seguito ad affaticamento insistente e respiro affannoso sotto poco sforzo mmi sono sottoposto ad ecodopler e elettrocardiogramma sotto sforzo. Rispetto all'ultimo ecodop. Di 5 anni fa , mi han rilevato insufficienza tricuspide lieve. Il resto é tutto nella norma. L'elettrocardiogramma rileva solo un' aritmia respiratoria. Tuttavia sono molto affaticato. Respiro affannosamente dopo 2 rampe di scale. Le analisi del sangue non rilevano anomalie. La domanda é questa: l'insorgere dell'insufficienza é probabilmente divuta ai tanti antinfiammatori passati? Puo essere causata da congestioni venose? Ad esempio soffro di varicocele di grado 3 e dovrei operarlo a causa del fastidio. Per l'affaticamento cosa potrei fare? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi

28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
L'insufficienza tricuspidale lieve è comunissima (viene considerata fisiologica) e non deve destare preoccupazione.
Per l'affaticamento, visto che pare non ci siano problemi cardiaci, parli col suo medico; ha verificato di nona veer altri problemi come un'anemia, per esempio?
Un'altra ipotesi che potrei fare (mi dica lei se sono nel giusto) è che i molti problemi che ha limitino la sua attività fisica (si muove di meno da quando è peggiorata la vista?) quindi che si tratti semplicemente di mancanza di allenamento. In tal caso potrebbe procurarsi una cyclette che le permetterebbe di fare movimento anche se ha un grave deficit visivo.
Le faccio comunque tanti auguri per la sua situazione!
Dr. Chiara Lestuzzi
Cardiologia, Centro di Riferimento Oncologico (CRO), IRCCS, Aviano (PN)

[#2] dopo  
Utente 487XXX

Grazie per la risposta estesa Dottoressa. Seguirò il suo consiglio riguardante un maggiore allenamento. Nel tempo non ho ridotto comunque il mio movimento, cocciutamente cammino liberamente ed a lungo. Tuttavia se accelero tanto, o faccio salite senza fermarmi ho respiro affannoso, oscuramenti della vista e mi é capitato di avere il vomito. Ovviamente il vomito é un episodio che mi capita 2 volte al mese. Ho fatto le analisi del sangue e sono eccelkenti a giudizio del medico. Grazie mille per la sua rassicurazione.