Utente 487XXX
Salve dottori,
Come potrete vedere dai miei precedenti consulti, ho e sto attraversando un periodo di eccessiva ansia e preoccupazione della mia salute.
Ho 20 anni e non fumo nè bevo alcool, ho qualche chilo in più di quello che dovrei avere, e conduco una vita piuttosto sedentaria anche se ogni tanto quando il tempo me lo permette faccio lunghe camminate, corsetta e qualche partita di calcio.

Il mio dottore per combattere questa mia ansia mi ha prescritto il tranquirit e il valpinax la sera.

Ho interrotto il trattamento quasi per dimenticanza, e la mia frequenza cardiaca a riposo adesso è di 65 // 70 bpm, a letto a volte scende pure fino a 60 bpm.

Faccio questo consulto perché io ero abituato ad avere una frequenza a riposo di quasi 80 bpm, alle volte meno, ma mediamente la mia frequenza non era così bassa (nonostante da quel che io ne sappia è quella ideale).
Chiedo se magari potevano essere i farmaci stessi a procurarmi una leggera tachicardia o se devo andare dal medico e farmi visitare, anche perché ogni tanto vengo accompagnato da un senso di sbandamento, però non so sia dovuto alla cervicale, in quanto in questi giorni ho dolori al collo e i conseguenti muscoli tesi.

Ovviamente quando cammino e poi mi siedo e misuro la frequenza cardiaca questa sale 80 per poi scendere nel giro di pochi minuti e di tornare nei valori di 70.

Aggiugo anche che ultimamente soffro di acunfeni che però compaiono casualmente per poi scomparire nel giro di 2/3 secondi.
Non so se possa essere correlato.

Ho l’anemia mediterranea, portatore sano e dove abito io un giorno fa 30 gradi e un altro 15.

Può magari dipende dell’atmosfera questo senso di spossatezza/senso di sbandamento?

La ringrazio per il tempo a me dedicatomi e le auguro una buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Sicuramente non dal suo cuore ne' dai suoi valori di frequenza che sono perfettamente normali

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 487XXX

Dottor Cecchini buongiorno,

Le scrivo per avere un suo parere in merito ad una cosa che mi è successa ieri e che ha destato in me preoccupazione.

Premetto che conduco una vita piuttosto sedentaria, sono leggermente in sovrappeso ma non fumo e non bevo alcool.

Ieri pomeriggio mi è capitato di fare dell’attivita Fisica per circa 2 orette, nulla di intenso, una partitella e qualche tiro a calcetto.

Tornando a casa, dopo aver fatto la doccia, noto di avere la frequenza cardiaca ancora alta, ( dai 90 bpm ai 100 bpm ), avevo molto caldo e sudavo, forse a causa della doccia calda, non saprei, e ho avvertito per 2 o 3 volte una strana sensazione, come se il petto dalla parte sinistra venisse stretto, mi è capitato anche di avvertire dei piccoli dolorini di brevissima durata anche nel braccio sinistro, non sempre localizzati nello stesso punto.

Dato che sono molto apprensivo in questo periodo non le nascondo che ho pensato di avere dei sintomi che preludiavano l’infarto.

Poi dopo aver preso delle gocce per rasserenarmi e dopo essermi messo a letto, la frequenza è tornata ai miei standard, ovvero 70bpm, ma il tutto in tipo 1 oretta.
Può metterci così tanto il cuore di una persona non allenata per “recuperare”?

Lei mi consiglia di fare qualche esame per scongiurare il peggio?

2 settimane fa ho fatto un ECG e non è risultato nulla.

Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non deve eseguire alcun esame.
Sono comportamenti normali della frequenza in un cuore non allenato

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 487XXX

Grazie per la puntuale risposta,

Io vorrei migliorare questa mia condizione fisica però ogni volta tempo di strafare o di sentirmi male a causa dello sforzo, e questa condizione mi porta a fare tutto con una certa ansia e timore, ho una lieve insufficienza mitralica ma che non ha mai dai problema alcuno, secondo lei per riprendere un buono stato fisico, come dovrei cominciare e quando dovrei fermarmi?

Inoltre le volevo domandare, quando viene un infarto, viene e basta?
Ovviamente se si tratta di infarto e non di angina pectoris.

Grazie mille è ancora, una buona giornata!

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
"Inoltre le volevo domandare, quando viene un infarto, viene e basta?
Ovviamente se si tratta di infarto e non di angina pectoris."

Non capisco la domanda......
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 487XXX

Se si fosse trattato di un infarto vero e proprio, mi sarebbe venuto ?

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
legga cio che ha scritto , perche non ha alcun senso.

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza