Utente
Buongiorno gentili dottori, avrei bisogno di un  vostro consiglio riguardo la mia situazione.. Da circa un anno mi è stato diagnosticato un disturbo d ansia, cardiofobia per esattezza sono terrorizzata dalla morte cardiaca improvvisa, terrore iniziato dopo un primo attacco di panico, ho dispnea a riposo e al minimo sforzo exstrasistole tachicardia palpitazioni, ho fatto un eco un ecg sotto sforzo un holter circa 6 mesi fa, tutto ok a parte una rindondanza della valvola mitralica con rigurgito minimo insignificante e l holter con 9 exstrasistole sopraventricolari e 2 ventricolari quasi tutte nella notte.. La mia domanda è in 6/7 mesi il cuore può modificarsi, può insorgere una cardiopatia che prima non c era? Perché i sintomi cambiano prima meno dispnea più tachicardia ora dispnea e tachicardia quando cambio ad esempio posizione da seduta ad in piedi e non a riposo. Volevo anche chiedere se il disturbo somatiforme al cuore che I medici pensano che io abbia é pericoloso, può portare davvero all'infarto? Ho un nonno morto all improvviso a 70 anni ed un pro zio fratello di mio nonno all improvviso a 82 anni. Ho 28 anni e ho partorito da 5 anni con parto naturale. Un'ultima cosa nel mio paese qualche anno fa un uomo di 52 anni aveva fastidi al petto da qualche mese ha fatto dei controlli risultato negativi ed è poi morto all'improvviso, cosa può essere stato? Grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Qurllo che sia successo a quell'uomo certo non posso saperlo...mica faccio il chiarovegente.
Riguardo al lei, come le ho gia' detto altre volte lei ha dei notevoli problemi che solo uno psichiatra in gamba le puo' lenire o guarire.
Il suo rischio di morte improvvisa e' pari se non minore di quello dei miei figli , il che non significa zero, ovviamente.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Quindi basso ma non pari a zero... Sto lavorando da quel fronte, spero sia il mio unico problema e non mi venga questa morte cardiaca improvvisa.. La mia domanda è se un infarto può venire all'improvviso anche con esami negativi ma sintomi nei mesi prima, é uscito oggi un nuovo articolo riguardo Astori e sembra avesse delle exstrasistole ventricolari durante la prova da sforzo, io ogni tanto le sento mentre cerco di fare un po' di sport ed in una delle due prove da sforzo é uscita un exstraistole ventricolare in fase di recupero, non mi hanno detto niente però. Grazie

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei confonde infarto con morte improvvisa, non sono sinonimi.
Per cio' che riguarda Astori lasci perdere cosa scrivono i giornali.
Se dovessero morire tutte le persone che hanno un paio di extrasistoli penso che in Italia sopravviverebbero solo circa 1000 persone.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Grazie, sono due settimane che ho un sintomi molto invalidante che non ho mai avuto, ad un minimo movimento che può essere anche girarmi nel letto o alzarmi da seduta o addirittura girare il collo il mio cuore schizza da 70 80 battiti a 130 140 battiti, cosa può essere, mi hanno parlato del sistema neurovegetativo può essere? Quando ho fatto i controlli non avevo questo sintomo.

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Si chiama ansia.
Lasci perdere i nomi altisonanti.
Il sistema neurovegetativo risponde in manier a diversa nei pazienti ansiosi come lei che in quelli tranquilli

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente
Ok grazie, mi è venuto un altro dubbio non ho mai avuto una tachicardia così fastidiosa in questo anno e soprattutto così legata al minimo movimento, al mattino mi chino per vestirmi arrivo a 140 battiti in tre secondi, non potrebbe il tempo aver dato il via ad una tachicardia ventricolare non sostenuta? Ho letto che questo tipo di tachicardia si puo interrompere con la stimolazione del nervo vago, la mia dottoressa sostiene invece che sia sinusale senza aver fatto ecg perché si interrompe appena effettuo una respirazione diafframatica da seduta, é corretto?

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Guardi lei smetta di leggere sciocchezze...
Una TV non si interrompe con le manovre vagali

Con questo la saluto

Cexchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza