Ipertensione e morbo di parkinson

Salve,

Approfitto per l'ennesima volta di questo splendido servizio che è Medicitalia e della competenza dei medici ivi presenti per comprendere alcune cose. Ringrazio ovviamente in anticipo.

Leggendo delle slides della SIIA in riferimento all'utilizzo del monitoraggio pressorio tramite Holter 24 ore, si evince come la classificazione Dippers-Non dippers (ed in particolare quest'ultimo status) sia di particolare importanza per i pazienti affetti da morbo di Parkinson in quanto potrebbe dare luogo ad eventi vascolari importanti.

Esattamente di quali eventi nello specifico si parla? Ischemia, Ictus, Infarto?

Dovessimo trovarci, quindi, di fronte a Non dippers in morbo di Parkinson quali misure si potrebbero attuare per la prevenzione di tali eventi? Cosa si dovrebbe fare?

Ringrazio nuovamente e porgo cordiali saluti.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 72,3k 2,7k 2
Cio che lei dice non vale solomon per i pazienti affetti da Parkinson ma per tutti.
le misure da attuarsi consistono in stabilire una terapia individuale,per ogni paziente

arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve Dott. Cecchini,

Mi riallaccio a questo consulto, avendo ricevuto il referto del MAPA eseguito da mia madre.

E' risultato che i valori pressori notturni sono molto alti, arrivando anche a picchi di 210/110. Quella diurna è normale.

Mia madre ha il morbo di Parkison, in cura con Madopar. E' ipertesa in cura con Lacirex ( da circa 20 anni ). Assume anche cardioaspirina e cipralex per la depressione e l'ansia. Ha avuto anche una leucoaraiosi.

Posso chiederle cosa ne pensa?

La ringrazio moltissimo, come sempre, per il suo aiuto.

Cordialità.
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 72,3k 2,7k 2
Mi scusi puo' fare copia ed incolla dei risultato? Altrimenti non riusciamo ad intenderci.
Tra l'altro occorrerebbe sapere l 'eta' della paziente, la terapia completa e la funzione renale della paziente (creatinina azotemia..)
grazie

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4]
dopo
Utente
Utente
Anzitutto, mi consenta nuovamente di ringraziarla.

Mia madre ha 72 anni compiuti e ha il morbo di Parkinson. E' ipertesa, ha una stenosi carotidea bilaterale del 45 %, ha avuto problemi di epatite C rientrati da diversi anni. E' stata riscontrata una leucoaraiosi.

In cura con:

- Madopar 125
- Lacirex
- Cardioasa
- Cipralex

E' stato aggiunto un altro farmaco per la cura del Parkinson tuttavia me ne sfugge sia il nome commerciale che quello della molecola.

Non sono aggiornato sui valori renali.

Da specificare che ha un forte tremore che a volte può influenzare o meno le misurazioni pressorie. Di notte non so se l'abbia o meno.

Venendo all'esame effettuato, il giudizio del cardiologo recita così:

In versione del ritmo circadiano con valori pressori sisto/diastolici MOLTO elevati di notte e quasi costantemente nella norma nelle ore diurne.
FC media normale.

La tabella misure riporta una pressione media giornaliera ( 06 - 22 ) di 142/86 con FC di 71 e valori 36, una pressione media notturna ( 22 - 06 ) di 171/93 con FC di 62 e valori 15. La percentuale di scostamento è di 20/8 e di -13 per la FC.

Se preferisce, posso inviarle la scansione dell'esame via email così da visionarla interamente.

Aggiungo che un mese fa ha fatto la visita cardiologica dove ci han detto che va tutto abbastanza bene. ECG con alcuni artefatti dovuti probabilmente al tremore ma normale. Rilevato click protosistolico e alcuni soffi di scarso interesse ( quest'ultima frase da prendere con le pinze in quanto è una mia reminiscenza ma non sono sicuro che sia così in quanto non ho il referto sottomano...).

In attesa di un suo gentiel riscontro, Dottore, la ringrazio moltissimo.
[#5]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 72,3k 2,7k 2
Riterrei opportune piccole dosi di beta bloccanti, che agirebbero inoltre anche sui tremori (es, Nebivololo)

Ne parli con il suo cardiologo

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6]
dopo
Utente
Utente
Va bene, la ringrazio molto. Ne parlerò col cardiologo che sta seguendo mia madre e, se posso, le farò sapere.

Eventualmente è consigliabile fare assumere il Lacirex alla sera prima di coricarsi anzichè alla mattina?

Ancora grazie mille, dottore.

L'ipertensione è lo stato costante di pressione arteriosa superiore ai valori normali, che riduce l'aspettativa di vita e aumenta il rischio di altre patologie.

Leggi tutto

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio