Utente
Salve, sono una ragazza di 25 anni, sono alta 167cm e peso 61, 5kg.
Premetto anche che non sono una fumatrice (mi sarà capitata qualche sigaretta durante l'adolescenza ma non ho mai preso il vizio e comunque le ho sempre schifate), non bevo alcolici (ogni tanto una birra o del vino rosso durante le feste o cene con amici ma niente di più) e non bevo mai caffè perché non mi piace (la mattina prendo il thè caldo).

Due anni fa ho riscontrato per la prima volta le extrasistoli che mi hanno fatta spaventare non sapendo nemmeno cosa fossero.
Così mi sono rivolta al medico di famiglia che mi aveva già assicurata in partenza ma per precauzione mi ha fatto fare un elettrocardiogramma.
Da questo sono risultati i seguenti valori:
-ritmo sinusale: FC 94 B/min;
-scarso incremento vettore settale;
-alterazioni aspecifiche della ripolarizzazione.

Il medico quindi mi ha confermato di dover stare tranquilla e che sarebbe stato utile praticare un po' di sport per cercare di allenare un po' il cuore data la mia giovane età.
Purtroppo sia per motivi di tempo, sia per motivi economici che di pigrizia non ho fatto alcuno sport.
Lo scorso anno, novembre 2019, ho fatto anche le analisi del sangue ma i risultati sono tutti nella norma e anzi, il medico mi ha anche dato una pacca sulla spalla dicendo di avere una salute di ferro.

Il problema più grande è che io soffro di ansia e infatti a ottobre scorso avevo iniziato gli incontri con la psicologa interrotti poi con l'inizio della pandemia.
Era un servizio counseling offerto gratuitamente agli studenti universitari che ne avessero bisogno.
Sta di fatto che l'ansia mi accompagna in ogni momento.
Anche quando sono apparentemente tranquilla mi sento agitata.
Senza dilungarmi troppo, scrivo qui perché le extrasistoli ultimamente sono peggiorate, ormai le avverto troppo spesso e anche una di seguito all'altra.
È una sensazione fastidiosissima che ho notato placarsi quando cerco di distrarmi o stare seduta tranquilla a guardare un film.
Sono costantemente agitata, e questo non mi aiuta.
Non voglio chiamare nè andare dal mio medico perché con la situazione in corso non vorrei disturbarlo ma intanto questa situazione mi sta facendo impazzire.

Secondo voi, devo preoccuparmi per la salute del mio cuore?
Sicuramente, non appena finirà questa situazione, farò altri accertamenti ma prima di allora come posso risolvere questo fastidioso disturbo?

Grazie mille!

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Dovrebbe curare la sua ansia con banali ansiolitici, se necessario

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Salve dottore, la ringrazio per la celere risposta ma sinceramente io non voglio fare uso di ansiolitici. Tutte le sere prima di dormire prendo una tisana con camomilla, melissa e passiflora che mi rilassa. Faccio fatica ad addormentarmi ma una volta fatto dormo bene fino al mattino seguente.
Grazie comunque.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
"Sta di fatto che l'ansia mi accompagna in ogni momento.
Anche quando sono apparentemente tranquilla mi sento agitata."


"questa situazione mi sta facendo impazzire.

Anche quando sono apparentemente tranquilla mi sento agitata."

Sono frasi che scrive lei. Non io

con questo la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza