Utente
Gen, tmo dottore

brevemente le scrivo la situazione

terapia
mattina olmesartan 40 + 5 amolodipina, mezza norvasc 5 - 5 gocce diazepam
sera 5 gocce diazepam e mezza lobivon

Il diazepam è somministrato per stati d'ansia in atto da circa 1 mese
la terapia ipertensiva ormai da circa dieci anni

circa una settimana addietro per una fitta torace sono stato in opsedale dove hanno valutato

troponina 1 ora 16.5
troponina 2 ora 16.3
e valori alti di ck e ckmb che leggermente scecsi alla seconda ora
ecg nella norma, il cardiologo ha attribuito tutto ad uno sforzo muscolare
(la mattina avevo fatto degli esercizi con le braccia (con delle bottiglie di acqua a mo di peso))

nei controlli di pressione effettuati a casa sono stati riscontrati valori in linee generali normali, compresi tra 120 (80 e 130/85
ma con dei picchi che arrivano a 160/100 e che durano 4/5 minuti
Alla visita del medico curante lo stesso ritiene di cambiare terapia con
Triplian 10 la mattina
1/2 lobivon la sera
restano intanto confermate le gocce diazepam e in caso di picchi pressori (160/100) utilizzare uletriori 5 gocce di diazepam

nel momento della visita pa 160/100 fc 68 attività cradiaca ritmica, al torace lieve respiro aspro, non edemi declivi
soffio sistolico 2/6 sul foc.
aortico
sat.
98%
consiglia ecocolorodoppler tsa e cardiaco

Il soffio di cui si parla è qualcosa di grave e che va subito affrontato con un cardiochirurgo?

I valori elevati possono essere realmente causati da uno sforzo e un esericio con delle bottiglie?


Grazie mille per la disponibilità

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Ciò che è preoccupante nonostante che non la turbi , è la sua abitudine al fumo

Sa benissimo di avere un elevato rischio di infarto ictus e cancro
Ed
È
Anche in sovrappeso
E lei si preoccupa davvero della
Pressione ?
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Caro dr.Cecchini
apprezzo molto il suo parlare con la sincerità che è giusto che ci sia quando un serio professionista risponde ad un quesito o fa una valutazione.
Pur apprezzando, conosco benissimo i rischi del fumo ed infatti in questo momento ho ridotto quasi del 50% , passando da 20 sigarette a dieci/12 al giorno.
Mi rendo conto che va totalmente eliminato e spero di riuscirci...
lei da medico mi pone un quadro reale della situazione, il rischio di ictus infarto cancro, ma partendo dal presupposto che è mia intenzione eliminare il fumo, al quadro clinico che le ho presentato l'unica risposta è che quindi potrei morire da un momento all'altro?

la ringrazio per la disponibilita

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Innanzitutto non ha senso assumerlo alla sera ma va assunto di primo mattino assieme al,Tripliam , anche al,primo risveglio anche notturno ( per esempio se ci si sveglia per la necessita di urinare ).
In secondo luogo ridurre il fumo non riduce il rischio di cancro che contrariamente a ciò che si pensa non è correlato linearmente con il numero di sigarette fumate.
Il suomrischio coronarico e vascolare in genere ( ictus) è più che triplicato

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Quindi per riassumere
lobivon insieme al Tripliam o se mi sveglio anche alle 4(cio significa che per questo farmaco non è necessario ripsettare un numero di ore, cioè ad esempio come si fa comunemente ogni 12h ogni 8h ecc)

Il fumo va totalmente eliminato
Ridurre il peso

Il mio rischio è triplicato quindi in base ai valori che le ho prospettato?
Scusi se le ripeto la domanda , e poi non disturbo piu'
Grazie

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il suo rischio è triplicato dal fatto che fuma, dal momento che i fattori di rischio non si sommano tra loro ma si moltiplicano.

Confermo il suggerimento terapeutico che le ho consigliato

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso