Interpretazione holter

Gentili Medici,

sono un uomo di 31 anni, altezza 188 cm e peso 87 kg.
Recentemente ho fatto un holter 24h a causa di fastidiose extrasistoli e il risultato è stato il seguente:

- Ritmo sinusale continuo e buona regolazione della frequenza (max 133/min, min 58/min, media 82/min), singole ESV (4) e EV (19) senza HRST maligni o pause.

Purtroppo, pochi giorni dopo aver fatto il primo holter ho avuto una pre-occlusione della vena centrale della retina e sono stato ricoverato cinque giorni in una Stroke Unit per fare gli accertamenti del caso.
Nel referto dell' holter di 24h fatto durante il ricovero i cardiologi hanno scritto:

- Ritmo continuamente normocardico o con tachicardia sinusale (frequenza minima 62/min, frequenza massima 139/min, frequenza media 85/min).
No pause o blocchi senoatriali.
Tachicardia parossistica sopraventricolare con frequenza massima 139/min, complessivamente ritmico.
Diagnosi differenziale: Flutter atriale a frequenze più elevate.

Dopo avermi dimesso (la causa della pre-occlusione rimane sconosciuta, dato che gli esami hanno avuto esito negativo) mi hanno consigliato di fare tre holter di 24 h per aumentare la probabilità di trovare una fibrillazione atriale parossistica che possa aver causato la pre-occlusione.
Ora, ho fatto un holter delle 72 ore ed ecco i risultati:

GIORNO 1:
- ESV: 5
- QRS mancante: 9 (più lungo 1, 5 s)
- Tachicardia: 20 (frequenza massima 133)
- EV: 19

GIORNO 2:
- Tachicardia sopraventricolare: 27 (più lunga 18. 2 s)
- ESV: 2
- QRS mancante: 8 (più lungo 1, 5 s)
- Tachicardia: 21 (frequenza massima 146)
- EV: 2

GIORNO 3:
- Tachicardia sopraventricolare: 3 (più lunga 5. 3 s)
- ESV: 10
- QRS mancante: 14 (più lungo 1, 6 s)
- Tachicardia: 30 (frequenza massima 129)
- EV: 2

Nel referto si legge lo stesso per tutti e tre i giorni: "Ininterrottamente ritmo sinusale con spettro di frequenze normale (frequenza minima 58/min, frequenza massima 135/min, frequenza media 76/min).
No pause rilevanti.
No extrasistoli sopraventricolari rilevanti, singola extrasistolia ventricolare isolata".

Non capisco perché i cardiologi qui non menzionino le tachicardie sopraventricolari. Forse perché sono artefatti? Mi ricordo che il secondo giorno la mattina due canali si erano staccati per un bel po' prima che li ricollegassi. In realtà mi sembra che il commento del referto si riferisca al giorno 1 soltanto e poi sia stato copia-incollato agli altri due (anche perché le frequenze massima e minima lungo i tre giorni non sono corrette perché si riferiscono al giorno 1 soltanto, ma mi sembra strano che i cardiologi siano stati così superficiali.

Alla luce dei risultati di questi vari holter, vi chiedo gentilmente un parere se ho aritmie minacciose e se un disturbo del ritmo possa essere stata la causa della pre-occlusione retinica.
Vi ringrazio e mando cordiali saluti
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 71k 2,6k 2
sono segnalate tachicardie sopraventricoalri che posso essere le cause del suo,pronlema

In realta le embolie reti che colpiscono per ovvi motivi anatomici le arterie e non le vene retiniche.
quindi indagheri con attenzione familiarits per trombofilia ( es aborti ripetuti, tromboflebiti,@abitudine al fumo,)
il,suo, problema aritmicom va pero risolto com farmaci

arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottor Cecchini,

La ringrazio per la Sua risposta.

Nel referto oculistico hanno scritto "pre-occlusione della
vena centrale retinica". Non se se anche le arterie siano coinvolte ma non credo perché vedo meglio ora e sto guarendo.

Premetto che non fumo e non bevo e non abbiamo avuto in famiglia aborti ripetuti e tromboflebiti. Quando ero ricoverato credo che nelle molteplici analisi abbiano controllato la trombofilia e hanno escluso una trombosi profonda delle vene delle gambe come sorgente di embolia paradossa.

Le aggiungo anche che l'ecocardiogramma toracico è risultato negativo ma nell'ecocardiagramma transesofageo hanno trovato un forame ovale pervio medio-grande. Al Bubble-test hanno evidenziato uno shunt dx sx moderato sotto manovra di Valsavia. I medici escludono che possa essere stato il forame e dicono che dato che la risonanza magnetica è negativa per ischemie al cervello non vogliono chiuderlo.

Tornando al problema aritmico, non capisco allora perché i cardiologi non abbiano detto niente sulla necessità di un trattamento farmacologico. Proverò a contattare il cardiologo che ha refertato l'Holter. Nel caso lei pensava a una terapia con beta-bloccanti?

Adesso sto prendendo cardio aspirina 100 mg al giorno. Posso fare una vita normale come prima? calcetto un po' di ginnastica, escursioni...la ringrazio molto

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa