Miopericardite e vaccini covid 19

Buonasera Gent.
mi,
mio figlio di 21 anni ha avuto, giusto il mese prima dello scoppio della pandemia, una miopericardite acuta che lo ha portato ad un ricovero di 10 gg.
circa, di cui 6 in UTIC.

Per i primi 6 mesi successivi ha preso triatec 2, 5 e bisoprololo 2, 5, entrambe uno/giorno, e si è astenuto da attività fisica intensa.

Nel corso di questi 18 mesi (dall'episodio ad oggi) ha fatto alcuni controlli fra cui una RMN a 6 mesi dall'episodio con questo esito: "Normali dimemsioni e conservata contrattilità biventricolare.
Piccola area di fibrosi non ischemica nella parete inferolaterale media.
Non alterazioni significative a carico del pericardio.
Assenza di significatici shunt sx-->dx.
Reperti compatibili con miocardite in minimi esiti".

A gennaio 2021 (a distanza quindi di un anno dall'episodio del ricovero) avvertiva spesso i battiti alti, per cui ha fatto un holter 24 il cui esito: "Ritmo sinusale regolare tendenzialmente tachicardico nelle ore diiurne con FC media di 88 e massima 143 e minima 63 ppm.
Normale conduzione A-V.
Non blocchi maggiori.
Non bradicardie importanti.
Rari battiti ectopici sopraventricolari (BESV).
Assenza di battiti ectopici ventricolari (BEV).
Tratti ST stabili".

Il cardiologo che lo segue ci ha rassicurati e ha detto che poteva ricominciare con attività fisica, cosa che ha ripreso gradualmente da un paio di mesi e ora è tornato alle partite di calcetto.

Vi chiedevo quindi un parere complessivo sulla situazione e sul rischio di eventuali recidive: deve stare attento a qualcosa in particolare?

Ma anche, viste le ultime notizie/dubbi che arrivano da USA e Israele (in merito a miocarditi presumibilmente legate al vaccino), ci chiediamo se conviene rischiare di fare il vaccino o aspettare magari migliori approfondimenti/studi che sembra stiano facendo in quelle nazioni: se non avesse già avuto la mioperoicardite non avrebbe avuto dubbi (aveva anche già prenotato), ma ora è ovviamente spaventato dalla possibilità di avere una "ricaduta".

Grazie in anticipo per la Vs.
consueta cortesia e disponibilità
Buona serata
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 78,8k 2,9k 2
Anche io ho avuto una mioperiocardite grave.
Mi sono vaccinato

pemso di esser stato chiaro

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno,

chiarissimo, la ringrazio per la sollecita risposta, come al solito Lei è veloce e "pratico"!
Fra l'altro, come in un'altra occasione mesi fa in cui ho chiesto un consulto sempre per la mioperocardite di mio figlio, Lei è stato l'unico (oltre che velocissimo) a rispondere, grazie davvero.
Approfitto ancora per chiedere un parere complessivo sulla situazione e sul rischio di eventuali recidive: deve stare attento a qualcosa in particolare?
Quali sono statisticamente le percentuali di recidive in casi come questo?
Grazie ancora
Buona giornata
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 78,8k 2,9k 2
le statistiche parlano tra il 10 edil30 per cento
Cordialità
Cecchini

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille ancora.
Questa percentuale statistica tende a diminuire con il passare del tempo (rispetto all'evento), oppure rimane uguale?
Buona giornata
[#5]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 78,8k 2,9k 2
Piu' passa il tempo e meno e' probabile la possibilita' di una recidiva

arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Il Covid-19 è la malattia infettiva respiratoria che deriva dal SARS-CoV-2, un nuovo coronavirus scoperto nel 2019: sintomi, cura, prevenzione e complicanze.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test