Storia di onde t negative, insufficienza cardiaca e terapia anti-ipertensiva

Gentili Dottori, ho 47 anni, leggero allenamento cardiofitness 2-3 volte a settimana per 1h.
Dal 2003 mi sono state riscontrate T Negative nelle derivazioni V2 V3 V4 V5 V6.
Il Cardiologo anni fa mi rilasciò diagnosi di onde T "pseudoischemiche" di Cardiomiopatia Ipertrofica dicendo che in futuro avrei potuto sviluppare la malattia.
Ecg, Ecg da sforzo, Ecocardio, Holter, RMN nulla evidenziò malattie cardiache.
Nel 2018 nuovo Cardiologo parlò di "anomalie aspecifiche di ripolarizzazione", Ecg da sforzo che rilevò parziale positivizzazione della derivazione in V4 ed un aumento della pressione arteriosa, mi fece fare un nuovo Holter che rilevò soltanto 2 extrasistole, TAC coronarica che non rilevò patologie a carico delle coronarie e dei polmoni, Scintigrafia miocardica sotto sforzo che non rilevò anomalie ai tessuti del miocardio, Holter pressorio confermò sbalzi della pressione arteriosa, altra RMN a distanza di 5 anni dalla prima non evidenziò nulla.
Quindi mi fu data soltanto Amlodipina da 5mg alla sera prima di dormiree per il sintomo di sentire le pulsazioni del mio cuore all'altezza dello stomaco Xanax (10 gocce due volte al dì).
Oggi mi sembra di fare sempre più fatica, sento il battito del cuore nello stomaco e dietro alla schiena, mi capita questo sintomo soprattutto di notte quando ho mangiato un pò di più, sono spesso stanco e affaticato (prendo ancora lo xanax ma non prendo Amlodipina perchè il curante avendo avuto in estate pressione bassa mi disse di interromperla visto che assumevo dose minima.
Ora però con l'arrivo del freddo la pressione è alta (picchi di 130-90).
Dopo quasi 2 anni, dopo aver completato il ciclo vaccinale Covid, ho deciso di fare degli esami per rivalutare la situazione, Ecg è sempre lo stesso con presenza delle T negative nelle derivazioni riportate negli anni prima, lEcocardio è stato valutato da un cardiologo che me lo ha eseguito qualche giorno fa come buono con mantenuta funzione di eiezione al 60% ma con una leggera ipertrofia del SIV (12mm) e mi ha consigliato di riprendere terapia anti-ipertensiva.
Ecg sotto sforzo ha confermato problemi di pressione e queste diminuizioni della negatività delle onde sotto sforzo che tornano totalmente negative, infine sto aspettando l'esito dei valori peptidi natriuretici consigliati dal mio medico curante.
Nel frattempo la mia ipocondria mi sta convincendo di avere un'insufficienza cardiaca che si vedrà con i valori NT-proBNP.
E di avere fibrillazione atriale, la mia frequanza cardiaca a riposo è in media di 55-65 bpm.
Le mie domande quindi al momento sono: La terapia ipertensiva di 5 mg di Amlodipina al giorno è giusta?
Visto che ho letto che se si hanno valori alti dei peptidi natriuretici i calcioantagonisti è meglio evitarli?
E poi vorrei sapere, questa presenza di affaticamento, difficoltà a fare le scale ma soprattutto questa sensazione di avvertire il battito in modo molto forte è sintomo di fibrillazione atriale?
O è l'ipertensione?
Ringrazio e Saluto.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 78,4k 2,8k 2
L'amlodipina ha un effetto tachicardizzante e per questo glielo hanno prescritto in quanto bradicardico di base.
L'aumento della frequenza niente ha a he vedere con la f.a.

In pazienti come lei io solitmente prescrivo ACE inibitori o sartani anche perche' non creano problemi erettivi.
E' fondamentale che lei mangi senza sale aggiunto nei cibi, che beva almeno 1.5 - 2 litri dia cqua al giorno e che cammini un'ora al giorno
La riduzione del suo peso di 10 kg le risolverebbe probabilmente il problema pressorio.

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Attivo dal 2019 al 2021
Ex utente
La ringrazio Professore, soprattutto per avermi risposto subito anche di Domenica, davvero grazie. Vorrei quindi chiederle anche se non la disturbo, ma quindi ieri nel mikk in caso visti i sintomi che avverto ad oggi esclude la fibrillazione atriale? E nel caso i valori dei peptidi fossero alti cosa mi consiglia di fare? La ringrazio.
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 78,4k 2,8k 2
E nel caso i valori dei peptidi fossero alti cosa mi consiglia di fare?...."

Ma mi scusi proima esegua l'esame no?

ceh senso ha parlare di cose che non si sanno.

"Ho mal di stomaco e devo eseguire una gastroscopia ..e se fosse un tumore cosa dovrei fare?"

Che senso ha ragionare cosi'?

la saluto

cecchini

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4]
dopo
Attivo dal 2019 al 2021
Ex utente
Ha ragione Professore l’esame l’ho eseguito sto attendendo l’esito, le farò sapere il referto.
[#5]
dopo
Attivo dal 2019 al 2021
Ex utente
Prof. Cecchini buongiorno,
mi hanno consegnato il referto dell’esame relativi ai peptidi natriuretici il quale è di 34.6 pg/ml da quanto leggo sul referto alla mia età (47 anni) il dosaggio deve essere sotto i 100 pg/ml per escludere insufficienza cardiaca. Quindi con quel valore lo scompenso è escluso giusto Secondo lei a questo punto il fatto che io avverta i battiti del mio cuore nella gola, nella schiena ecc. (stando in certe posizioni, soprattutto quando sono a letto o quando mangio un po’ troppo) dipende dalla pressione o è ansia? Se si tratta dei sbalzi di pressione è opportuno che mentre mangio senza sale e cerchi di dimagrire il riprenda la terapia anti-ipertensiva magari come dice lei con un Ace o un sartabo anzichè l’Amlodipina? O essendo bradicardico va bene quest’ultima? La ringrazio e non la disturberò ulteriormente.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test