Utente 423XXX
Salve,
Vi scrivo per chiedere come procedere e se procedere con altre visite.
Da 7 anni soffro di emorroidi, ragade ( risolte 5 anni fa che tengo a bada con la dieta). Ho sofferto anche di criptite anale curata con asacol, sempre 6 anni fa. Lo scorso anno per 3 o 4 mesi ho avuto forte dolore e bruciore all ano retto e forti spasmi anali. Il curante pensando fossero emorroidi mi ha prescritto topster e asacol, gia prescritti dallo specialista, ma il dolore non è mai cessato arrivando a non farmi dormire. Stanca di tutto ciò e avendo perso 3 kg in in 2 mesi pur mangiando e non cambiando abitudini ho deciso di tornare dal proctologo che ha diagnosticato proctite acuta con iperemia e sanguinamento della mucosa. Mi ha prescritto asacol supposte 2 volte al gg per un mese ed è finita li. Purtroppo quest anno a aprile e maggio ho avuto gli stessi sintomi. Ho preso topster supposte 10 gg su consiglio del medico di base ma il dolore non è passato. Ho deciso di smettere tutto e aspettare pensando di essere intollerante alla cura. Non passando il bruciore ho prenotato altra visita da proctologo. Due giorni prima della visita mi sono passati tutti i sintomi ma non l ho cancellata per correttezza. Il medico nonostante non avessi sintomi mi ha visitato e ha riscontrato con endoscopio lieve proctite (con mucosa che sanguinava al tocco). Mi ha detto che per prevenire questa proctite posso procedere con cicli di topster 10 giorni al mese e cercare di rilassarmi. Il dolore va bene col topster ma soffro di stitichezza ostinata ( a volte non vado per 6 gg e devo fare la peretta) e la settimana scorsa ho sofferto di dolori di pancia e diarrea. Nel frattempo dai 54 kg di dicembre sono arrivata a pesare 49 kg il mese scorso, ora dopo dieta ingrassante peso 50kg. Ho chiesto al.mio medico cosa ne pensava e lui ha detto che il dimagrimento non è preoccupante ( solo qualche chilo). Ha detto che questa proctite può essere dovuta in parte allo stress così come la stitichezza e la diarrea ( 1 solo episodio). Quando ho chiesto 1 visita gastroenterologica mi ha detto di no e che eventualmente in futuro faremo direttamente colonscopia. Cosa ne pensate? La proctite può essere causata d colon irritabile? Come procedereste in termini di indagini?
Grazie per l aiuto, sono davvero stanca

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Una visita proctologica di controllo con rettoscopia sarà dirimente.
Sarà il proctologo in relazione al risultato della visita ad indicarle, se necessario, colonscopia ed esami di laboratorio.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com