Utente 417XXX
Buongiorno dottori, scusate il disturbo ma avrei un'informazione. Circa da 1 mese soffro di dolori addominali, che vanno e vengono durante la giornata, in più, mi è capitato a volte di trovare pochissimo sangue, tipo una macchiolina di sangue vivo, sul fondo del water, all'interno delle feci e dell'acqua non ne ho mai trovato. Dopo aver fatto vari esami del sangue dai quali sono risultato un po' anemico, la dottoressa mi ha dato per un mese da prendere del tardyfer, e, se nel caso avessi ritrovato sangue nelle feci e I dolori addominali fossero continuati, mi avrebbe prescritto una colonscopia, perché probabilmente secondo lei potrebbe essere una colite. Io ho fatto una prova allora : per una settimana ho bevuto tantissima acqua al giorno tolto qualsiasi schifezza mangiato tanta frutta e verdura e ho preso costantemente ogni giorno fermenti lattici , e nel bagno non ho trovato più sangue, inoltre, i dolori addominali stavano molto regredendo.
È successo che finita questa settimana, per 2 giorni ho pasticciato molto e bevuto pochissima acqua, conclusione :oggi sono andato al bagno ho defecato moltissimo ma devo dire con un po' di sforzo, e ho praticamente ritrovato quella piccola macchietta di sangue sul water, niente sangue nelle feci. Cosa potrebbe essere? Su internet si legge di tumori ecc ma io non penso sia qualcosa di così grave, considerando che i dolori addominali sono diminuiti e solo 2 volte ho trovato sangue, per di più solo una piccolina macchiolina rosso viva sulla parete del water, nell'acqua e nelle feci non c'era niente.
Vorrei aggiungere anche un piccolo dettaglio, il sangue mi è capitato veramente solo 2 volte di trovarlo, ma ho notato che ogni volta che vado all'interno delle feci è presente del muco giallo, e questo però lho notato sempre all'interno delle feci.cosa potrebbe essere?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Nessun tumore, ma solo sangue emorroidario da sforzo defecatorio.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 417XXX

Buongiorno dottore, riscrivo qui per aggiornare della situazione a distanza circa di 2 settimane. La dottoressa, riguardo al sangue nelle feci, mi ha prescritto l'esame calprotectina fecale, del quale sto aspettando l'esito, che dovrebbe arrivare tra un paio di giorni. A considerare della dottoressa, con questo esame, nel caso si verifichi un livello alto indice di infiammazione o varie patologie, è possibile che allora il sangue abbia origine dallintestino e probabilmente dovrò fare una colonscopia. In questi giorni mi è capitato di trovare sangue, rosso vivo e separato dalle feci, che riportano un colore normalissimo, ma non mi è capitato di trovarlo sempre, ma solo in varie evacuazioni. Ho letto su vari siti che nella sintomatologia del tumore al colon/retto o del polipo è correlata la presenza di sangue nelle feci, ma non so in che modo si rappresenta il sangue in questi rari casi, commisto alle feci, o potrebbe presentarsi anche separatamente come al caso mio? Ma soprattutto, nel caso di un tumore al colon/retto il sangue è presente in ogni evacuazione, oppure in varie come nel mio caso?

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ribadisco. Solo sanguinamento emorroidario.


Si tranquillizzi.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 417XXX

Buongiorno dottore è arrivato l'esito della calprotectina, da 0 a 50 il risultato è: 2551.
Sono abbastanza spaventato è altissimo. Adesso devo prendere appuntamento con la dottoressa. Nel frattempo lei mi sa dire se secondo lei è ormai opportuno fare la colonscopia?.
È vero ho letto che spesso la calprotectina da valori alti anche in soggetti sani, però io non posso rimanere con il dubbio devo fare qualcosa. Grazie

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Niente di grave, ma ne parli con la dottoressa
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente 417XXX

Buonasera Dottore, scrivo per aggiornarla della situazione. Ho fatto una visita con un gastroenterologo privatamente, e mi ha detto di farmi prescrivere una colonscopia dal mio medico curante. Inoltre, mi ha chiesto la mia analisi clinica, e di varie patologie che ho avuto nel corso dei miei anni. Ho raccontato della fistole perianale, sulla quale non ho mai indagato a fondo che è comparsa circa 6 anni fa, a causa del mio continuo andare stitico al bagno. Ho raccontato anche del fatto che sono sempre stato un po' anemico, fin da piccolo. Il medico, collegando il fatto della fistole, con l'anemia, e la calprotectina che ha risultato un valore altissimo (2551) mi ha detto che molto probabilmente ho il morbo di Crohn, e già da diverso tempo. La certezza soluta mi ha detto che si avrà dopo la colonscopia.
Io ho letto comunque su internet che questo morbo di crohn può provocare sia anemia per le perdite di sangue sia fistole, ma una cosa mi lascia perplesso : solitamente se nasce una fistole a causa del morbo di Crohn, questo dovrebbe essere già in atto, la fistole mi è spuntata 6 anni fa (e perché andavo sempre molto stitico al bagno) e io in 6 anni non ho MAI avuto problemi intestinali. 2 punto: io sono sempre stato un po' anemico fin da quando sono bambino, e considerando che anche mia madre lo era(parlo al passato perché è deceduta) mi risulta logico pensare che io sia anemico non per perdite di sangue (che allora dovrei avere già da bambino?!?!?) ma per una questione genetica.
Sia dal mio medico curante sia dal gastroenterologo mi è stato detto che valori così alti di calprotectina (2551) indicano spesso morbo di crohn o colite ulcerosa. Io ammetto di non essere stato molto bene, anche se ora sinceramente ho qualche fitta di rado e riesco a mangiare tutto, ma mi risulta un po' strano pensare di avere un :morbo di crohn, e non magari una colite o un colon irritabile, che paragonati ai sintomi da me accusati credo proprio siano più opportuni. Lei che cosa ne pensa?

[#7] dopo  
Utente 417XXX

Dottore, scusi una piccola aggiunta, nel periodo in cui ho fatto l'esame calprotectina fecale, assumevo quotidianamente ferro, e l'assunzione di ferro mi provocava spesso crampi e dolori addominali anche lancinanti, non so se questo possa aver influenzato il valore della calprotectina

[#8]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Farei un'ecografia delle anse intestinali così escludiamo un problema infiammatorio.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#9] dopo  
Utente 417XXX

Dottore, che differenza c'è tra l'ecografia delle anse intestinali e la colonscopia? Con l'ecografia delle anse intestinali si può vedere se è presente morbo di crohn? Comunque dottore ho una domanda :una persona con il morbo di crohn che conduce una vita completamente sana magari lontana dallo stress e con una alimentazione a dir poco perfetta, con l'uso di vari medicinali, può avere le stesse aspettative di vita di una persona sana? Ho letto molto in giro che questo "morbo di crohn" può risultare un "terreno fertile" per la possibile insorgenza di tumori allapparato digerente, intestino, ecc. È vero? Anche se uno cambia drasticamente la sua situazione alimentare?

[#10]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
L'ecografia non è invasiva è può dare indicazioni sull'eventuale malattia, mentre la colonscopia è un esame invasivo ma da la certezza della malattia potendo eseguire delle biopsie. Ovviamente tale esame viene fatto solo se c'è il dubbio concreto di malattia.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it