Utente 495XXX
Salve, sono una ragazza di quasi 21 anni. Sto passando un periodo molto stressante e per "sfogarmi" ho toccato un neo che si mostrava inizialmente piccolo e di colore marrone scuro/nero... fatto sta che ho cercato di toglierlo manualmente e si é arrossato tutto intorno da giorni e non accenna a passare... là dove c'era un piccolo neo ora la pelle si é abbassata come se ci fosse un buco 4 volte più grande... pensate possa essere qualcosa di grave o magari é solo infiammato o cosa? Ho pensato ad un'infezione magari e ci ho messo l'acqua ossigenata ma non passa... cosa ne pensate? Attendo risposta e vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr.ssa Floria Bertolini

24% attività
8% attualità
12% socialità
PADOVA (PD)
PIOVE DI SACCO (PD)
VICENZA (VI)
ROVIGO (RO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2001
Gentile Utente,
Credo che debba smettere di traumatizzare il nevo o l'area in cui c'era il nevo e applicare una crema antibiotica fino alla caduta dell'eventuale crosticina, qualora si fosse escoriata, oppure fino alla regressione dell'infiammazione provocata nel tentativo di togliere in modo improprio il nevo.
Nel frattempo programmi una visita dermatologica, da effettuare entro un mese.
Cordiali saluti,
dr.ssa F. Bertolini
www.bertolinifloria.it

[#2] dopo  
Utente 495XXX

Ho messo una pomata per ridurre l'infiammazione e c'è solo il segno praticamente... la pelle si é sistemata comunque ed é tutto ok. Grazie per la risposta. Per la visita vedrò se non va via il segno di prenotare.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr.ssa Floria Bertolini

24% attività
8% attualità
12% socialità
PADOVA (PD)
PIOVE DI SACCO (PD)
VICENZA (VI)
ROVIGO (RO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2001
Gentile Utente,
le consiglio di fare comunque la visita dermatologica per nevi e con l'occasione spieghi cosa è capitato in questa sede.
Il traumatismo episodico di un nevo, non è usualmente causa di melanoma, tuttavia, in particolare se questo fatto ha causato cambiamenti del nevo - qualunque esso sia - , una valutazione dopo il trauma, nei mesi successivi, è fortemente caldeggiata
Cordiali saluti,
dr.ssa F. Bertolini
www.bertolinifloria.it