Utente 305XXX
Buongiorno, da diversi anni la mia pelle mi crea diversi problemi, sono un ragazzo che svolge intensa attività sportiva, però a differenza di altri compagni altrettanto attivi a livello sportivo che conservano facilmente una pelle normale, io sono molto sensibile a follicoliti, che coinvolgono soprattutto braccia, spalle, schiena.. Soprattutto con l'arrivo dell'estate e le prime esposizioni al sole cocente. Sono circa 5 anni che puntualmente ogni estate vivo l'incubo di una brutale follicolite sulle spalle che solo di recente grazie ad uno specialista sono riuscito a debellare, si trattava di follicolite da malassezia, così utilizzando Pevaryl soluz. non alcolica e Nizoral Shampoo, in tre settimane sono guarito totalmente però vedo che devo tenermi controllato e magari usare dei prodotti appositi di tanto in tanto per abbassare la carica del fungo perché tende a ripresentarsi poco a poco, lo noto vedendo una progressiva comparsa di follicoli infiammati che hanno le stesse caratteristiche.. Quindi mi consigliereste un valido prodotto quotidiano, magari un detergente corpo per la doccia, che possa aiutare a controllare e prevenire questo disagio? Immagino un buon detergente antimicotico ad esempio, utile contro la malassezia, sempre nel rispetto della pelle.. Inoltre noto che soprattutto zona viso/collo, tendo ad essere più sensibile a forme batteriche, che nascono da pseudofollicoliti dovute all'esposizione al sole, al calore.. Proprio di recente ho subito due manifestazioni molto forti una dopo essere stato al mare d'estate ed una recentissima dopo una lampada solare (che non faccio mai). Però erano brufoli che non avevano l'aspetto da malassezia ma più batterci e acneici.. La prima era stata diagnosticata da uno specialista come infezione batterica da Pseudo follicolite, successivamente curata con 15 gg di Bassado. Quindi, spende che generalmente i follicoli infiammati possono comunque facilitare la proliferazione di batteri, mi chiedo se esista un detergente sia Antimicotico che Antibatterico! Cosa mi consigliate? Potresti citarmene alcuni? Qualche consiglio generale o considerazione sul mio caso? In generale ho anche la pelle facilmente grassa quindi anche regolando questo fattore potrei ridurre la proliferazione di funghi e batteri, infatti una pelle sebacea e comedogena non è il massimo... Questo da cosa può dipendere? Ho già 27 anni io... Potrebbe dipendere da un fattore alimentare? Non ho mai fatto uso di farmaci stimolanti o ormonali, utilizzo solo un integratore proteico al siero del latte.. Come mi dovrei comportare in generale? Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile Utente

una follicolite acneica può insorgere anche in età tardiva e oltre i 30 - 40 anni.

Pertanto la invito alla visita dermatologica per chiarire la situazione e trovare la terapia adatta al suo caso. L'acne di ogni genere e grado si può curare con successo!

Carissimi saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 305XXX

Grazie per la risposta ma non è stata minimamente utile perché non mi ha fornito né una considerazione o consiglio generale su come trattare la mia pelle in virtù di quanto specificato, né mi ha indicato qualche prodotto da utilizzare.. Non ho chiesto una prescrizione antibiotica o nessun'altra cura particolare. Inoltre in entrambi i casi descritti avevo risolto il problema grazie ad un dermatologo, ma va detto che prima di lui ne avevo consultati altri ma nessuno di loro era stato sufficientemente capace da riconoscere una follicolite da malassezia, evidentemente recarsi da uno specialista non è sempre una garanzia..... Ricordo che questo sito serve per ottenere consulti online, consigli, pareri, consapevolmente coi limiti dei medici nel fornirli non avendo visitato nessuno. Ma se anche su un messaggio come il mio la risposta è vai da un dermatologo, questo sito può anche chiudere e smettere di fatturare dalle pubblicità.