Utente
Salve, sono un ragazzo di 35 anni e sono qui a chiedervi un consulto riguardo dei sintomi che mi affliggono da una quindicina di giorni.

In passato ho spesso sofferto di candidosi curate con diflucan per via orale prescritto da medici dermatologi, i sintomi erano i classici pruriti, glande che si colorava prima di rosso intenso per poi nei giorni a seguire fare una patina biancastra, esfoliarsi e andare via.
Ora a distanza di anni dall ultimo episodio di candidosi circa una quindicina di giorni fa ho iniziato a sentire bruciore al prepuzio e sul glande in generale, andando a guardare mi sono accorto che avevo un arrossamento intorno alla corona e dei puntini rossi sparsi sul resto del glande.
Non gli ho dato molto peso ho aspettato qualche giorno con la speranza che passasse spontaneamente ma niente, a differenza della candidosi non formava quella patina biancastra per poi tornare allo stato naturale.
Notavo che anzi peggiorava col tempo e il rossore diventava sempre più accentuato e queste macchie rossastre aumentavano di numero.
Con la comparsa di prurito ho pensato ad un infiammazione visto che uso i preservativi (ho rapporti esclusivamente con mia moglie da undici anni) e ho applicato del gentalyn beta per qualche giorno.
Il tutto sembrava funzionare, fin dal giorno dopo il prurito era scomparso e le macchioline si attenuavano.
Dopo una settimana di applicazioni locali non avendo più nulla praticamente ho interrotto il trattamento fai da me.
Ma puntualmente qualche giorno dopo riecco di nuovo il rossore e la ricomparsa delle macchioline rosse... Vedendo qui e li su internet e in attesa di visita dermatologica che eseguirò a metà ottobre, penso di aver preso una balanopostite, ma non riesco a capire come visto che mia moglie Nn ha nulla e sono monogamo.
Da che può essere data questa infiammazione?
Si trasmette solo sessualmente o può essere trasmessa anche in altri modi?
Ad esempio bagni pubblici... Premetto che ho fatto le analisi del sangue complete e l unico valore un po alterato erano i bianchi a 10.6 più precisamente i neutrofili.
Questo valore può far pensare a qualcosa di virale o batterico in merito?
Poiché mi sto un po' spaventando leggendo che la balanopostite può essere collegata ad altre patologie sottostanti... Grazie per l attenzione e per il servizio che svolgete.

[#1]  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentilissimo

ecco un mio approfondimento utile per Lei:

https://latuapelle.it/macchie-sul-glande/

Dr Laino
Dr. Luigi Laino Direttore Centro Latuapelle Roma
www.latuapelle.it
Segreteria 06.45550661

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo dr. Laino intanto la ringrazio per la risposta, mi fa piacere salutarla, non posso inserire nome e cognome ma ci conosciamo di vista, lavoravo come sanitario all ifo di Roma... Detto ciò volevo chiederle in attesa di visita dermatologica e vista la risposta positiva al gentalyn beta, e i limiti di un consulto a distanza, pensa che la suddetta pomata abbia solo alleviato i sintomi e anche se prolungavo il trattamento mi sarebbe tornata lo stesso l infiammazione? Se fosse di origine micotica avrebbe avuto risposta con gentamicina e betametasone sui sintomi ? La ringrazio infinitamente e la saluto.