Utente 134XXX
buonasera dottore/essa le racconto un episodio.circa un mese fa ho avuto un aborto interno con conseguente raschiamento.quando sono andata a fare le analisi del sangue(il girno prima di fare il raschiamento)l'infermiera che mi ha fatto il prelievo,mi ha detto che avevo il sangue molto denso tanto che il sangue faceva fatica a scendere nella boccetta.volevo chiederle..è possibile che abbia qualche problema legato alla coagulazione o a qualcos'altro e che questo abbia portato all'aborto?so che dovrei chiedere alla mia gine ma dato che l'appuntamento ce l'ho per la fine della prossima settimana lo chiedo a lei.se possibile vorrei sapere più pareri.grazie tante.cordiali saluti

[#1]  
20563

Cancellato nel 2010
Il sangue non e' mai cosi' viscoso ("denso") da far fatica a defluire nella provetta sottovuoto per colpa della viscosita' stessa. Guardi l'emocromo, quanto era l'ematocrito?

Se fa fatica a defluire e' perche' la vena era piccola, o era stata presa male, o la provetta aveva perso il vuoto, o era stato usato un ago troppo sottile.

Non costruisca castelli diagnostici sulle battute dette da un'infermiera per giustificare un prelievo difficoltoso.




[#2] dopo  
Utente 134XXX

grazie per avermi risposto dr Bianchi,però il problema è che io 7 anni fa ho avuto un linfoma di hodgkin potrebbe avermi causato comunque dei problemi alla coagulazione(dato che ho fatto la chemioterapia) che mi ha portato all'aborto?secondo lei dato che anni fa ho avuto questo problema,avrei "oggi"dovuto fare analisi specifiche per quanto riguarda tutto della coagulazione del sangue prima di intraprendere una gravidanza?

[#3]  
20563

Cancellato nel 2010
E' possibile che l'aborto sia dovuto a una trombofilia, ma non e' probabile che la trombofilia sia dovuta al lontano Hodgkin o alla terapia.

Oggi sappiamo che esistono svariate anomalie congenite o acquisite della coagulazione che portano a microtrombosi placentari e ad aborti anche ripetuti. Esistono una serie di analisi per esplorare queste anomalie (antifosfolipidi, LAC, ATIII, PC e PS, resistenza alla PC attivata, mutazioni del fattore V e II ecc.). Se le analisi non mostrano alterazioni, l'abortivita' non dipende dalla circolazione nella placenta, ma da anomalie del feto.

Non conosco la sua storia, ma UN aborto non fa POLIabortivita'. Faccia le analisi, ma intanto riprovi.




[#4] dopo  
Utente 134XXX

grazie per le sue risposte.appena andrò dalla mia ginecologa ne parlerò con lei. mi è stato di grande aiuto.