Utente 458XXX
Un conoscente maschio di anni 24 in apparenza sano mi presenta un esame chiedendomi lumi per alcuni valori dell'esame del sangue che risultano alterati. L'esame era stato richiesto a gennaio dal suo medico di base.
Il paziente presentava un linfonodo inguinale dolente e ingrossato che è regredito con la terapia antibiotica di levofloxacina per una settimana.
Credo che il prelievo ematico sia stato effettuato prima della terapia antibiotica. Il suo medico ritiene che ora sia tutto ok e non serva fare altro, ma il paziente vorrebbe, se possibile, conoscere il significato dei valori trovati allora alterati, ringrazio per l'attenzione

proteina c reattiva 0,15 mg /dl
ph 295 ui/l
trigliceridi 72 mg/dl
col tot 145 mg/dl
hdl 52 mg/dl
bilirubina tot 0,47
dir 0,18
fosfat alc 204 ui/l
sodio 142 meq/l
potassio 5

esame chimico fisico urine
peso spec 1,037
ph 6
glucosio 0
proteine 0
emoglobina assente
corpi chet 0
bilirubina +
urrobilinogeno 0,2
leucociti 4
emazie 3

tutti questi valori risultano nei range normali

La citofluorimetria eseguita su sangue periferico in EDTA
Analisi delle popolazioni linfocitaria: ( in grassetto i valori fuori range)

globuli bianchi 10160 range 4800-10800 / mcL
linfociti totali 2120 range 1500-4000
linf T CD3+ percentuale 80 % “ 67- 80 %
linf T CD3 assoluto 1696 “ 1000-3200 mcL
linf T Helper CD4+/CD3+ perc. 36 % “ 35 – 55 %
linf T Helper CD4 +CD3 ass 763 500- 2200 mcL
linf T citotoss/spress CD8+CD3 + perc 30% 20- 38 %
linf T “” “” + ass 763 300- 1520 / mcL
rapporto CD4+/CD8+ 1 1,2 – 2,2
linf T attivati CD3+ HLA-DR+ perc 24 % 1 – 2,7 %
linf T attivati CD3 +HLA-DR+Ass 509 15- 110 / mcL
natural killler CD56+ CD16+ perc /CD3 14 % 5 – 25 %
natural kill CD56+CD16 +Ass CD3 297 90 - 540 mcL
Linf B CD19 + perc 5 % 7 – 14 %
linf B CD19 + ASS 106 105- 560 mcL

[#1]  
Dr. Massimo Scorretti

28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Ci sono delle incongruità nell'esposizione dei risultati della citofluorimetria dovute probabilmente a errori di trascrizione. La prego di riscrivere i valori con più attenzione e all'interno di una tabella in cui i rispettivi valori siano ben enucleabili gli uni dagli altri.
E' del tutto evidente che un controllo ematologico post terapia antibiotica potrebbe aggiungere ulteriori dati per la comprensione della questione clinica.
Saluti
dott. Massimo Scorretti
CORDIALI SALUTI
dott. Massimo Scorretti
Cardiologo Ematologo

[#2] dopo  
Utente 458XXX


Grazie per la sua risposta.
Mi sono riguardato i valori e corretto qualche / e + fuori posto di cui non conosco il significato.
Ho visto che il grassetto che avevo usato nella battitura dei valori fuori range non aveva funzionato e ora ho provato a riscriverli con l'asterisco (*).
Proviamo così e spero sia sufficiente perchè ahimè le tabelle non le so usare bene con il PC. Se serve proprio una tabella migliore dovrò chiedere aiuto domani a qualcuno.
saluti




globuli bianchi
10160
range 4800-10800 / mcL

linfociti totali
2120
range 1500-4000 / mcl

linf T CD3+ percentuale
80,00%
range 67-80 %

linf T CD3+ assoluto
1696
range 1000/3200 / mcl

linf T Helper CD4+/CD3+perc.
36,00%
range 35-55%

linf T Helper CD4+/CD3 +Ass
763
range 500-2200 / mcl

linf T citotoss/sopress CD8+/ CD3+ perc
30,00%
range 20-38 %

linf T citotoss/sopress + ass
763
range 300-1520/ mcl

*rapporto CD4+/CD8+
1 (*)
range 1,2-2,2

* linf T attivati CD3+ HLA-DR+ Perc
24 % (*)
range 1-2,7 %

* linf T attivati CD3 +HLA-DR+Ass
509 (*)
range 15-110 / MCL

natural killler CD56+ CD16+ perc /CD3-
14,00%
range 5-25 %

natural kill CD56+CD16 +Ass CD3-
297
range 90-540/ MCL

* Linf B CD19 + perc
5 % (*)
range 7- 14 %

linf B CD19 + ASS
106
range 105-560 /MCL






[#3]  
Dr. Massimo Scorretti

28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile Signora scusi del ritardo con cui le rispondo ma gli impegni sono molti.
Ho preso nota dei valori da lei inviati e fatta eccezione per alcuni dati concernenti i cosiddetti "linfociti attivati"
* linf T attivati CD3 +HLA-DR+percentuale = 24 %

* linf T attivati CD3 +HLA-DR+Ass = 509

*rapporto CD4+/CD8+ = 1

in cui si rilevano discrepanze anche di rilievo, per il resto non ci sono altre anomalie.
Con le informazioni avute le posso dire che:
a) la tumefazione linfonodale era asimmetrica, dolente ed è receduta dopo terapia antibiotica (in una settimana);
b) i dati di laboratorio evidenziavano le irregolarità sopra evidenziate.

A questo punto i quesiti che pongo sono:

1) la tumefazione è completamente regredita dopo la terapia antibiotica ? Non ci sono segni anche minimi di tumefazione residua oppure di ri-aumento del volume dopo la sospensione della terapia?
2) vi è stata la comparsa di altri sintomi non espressi nel precedente comunicato ?

Nel caso di cessazione dei sintomi linfonodali (tumefazione, dolenzia ed altro) e ripristino di uno stato di normalità, si può passare in una fase di osservazione dell'area inguinale e rifare le analisi dopo 30-40 giorni. Durante la fase di osservazione verificare se non vi siano fatti come febbricola (la sera).

Nel caso di ripresa dell'attività dolorosa o di aumento volumetrico del linfonodo occorrerà prendere in considerazione l'ipotesi di asportare il linfonodo per poterlo analizzare istologicamente.

Se invece tutto è a posto si potranno ripetere le analisi - come ho già detto sopra - tra 30-40 giorni.

I valori registrati nella citofluorimetria sono aspecifici in questo caso e di difficile correlazione con quadri patologici precisi.

Potremmo concludere - qualora non vi siano altri esiti o ulteriori sviluppi sintomatologici - che la persona di cui sopra abbia contratto una patologia infettiva dovuta con tutta probabilità ad un batterio infettante (stafilococco ??) o altro che è stato eradicato rapidamente dalla terapia antibiotica praticata.
Importante per il prossimo futuro sarà la verifica degli esami di laboratorio, allargati anche alla funzionalità tiroidea.

Un saluto

dott. Massimo Scorretti
CORDIALI SALUTI
dott. Massimo Scorretti
Cardiologo Ematologo

[#4] dopo  
Utente 458XXX

La sua risposta è stata davvero esaustiva.
Se il mio conoscente mi presenterà l'analisi di controllo a distanza di un mese come la lei consigliato non mancherò di farle conoscere il risultato.
La ringrazio