Utente 184XXX
Buonasera, sono una donna di 27 anni e circa un mese fa mi si sono ingrossati i linfonodi nel lato destro del collo e dopo circa una settimana anche quelli sotto all'ascella destra. Tutto è accompagnato da uno stato di stanchezza cronica. Premetto che sono obesa, se può servire alla diagnosi. Ho eseguito esami che riporto di seguito:
Emocromo con formula:
Leucociti 9.94
Eritrociti 6.15
HGB 10.9
Ematocrito 34.8
Volume corp 56.5
MCH 17.7
MCHC 31.4
RDW 15
HDW, neutrofili, linfociti, monoociti, eosinofili, basofili e LUC normali. (sono portatrice sana di anemia mediterranea).
Piastrine PLT e MPV normali, PDW 21.1
VES 36
LATTATODEIDROENASI normale
PROTEINA C REAT. 1.76
TITOLO ANTISTREPTOLISINICO 403
CITOMEGALOVIRUS E EPSTEIN BARR negativi
TOXOPLASMOSI negativa

Ho quindi eseguito un eco che ha riportato multiple linfoadenopatie in sede SM e LTC bilateralmente, le maggiori in LTC, circa al II livello, del diametro di 22 mm a dx e 18 mm a sx. In sede SM il diametro longitudinale delle linfoadenopatie rimane subcentimetrico, con valori di poco superiori al centimetro a livello dell'angolo sottomandibolare e posteriormente ai muscoli sternocleidomastoidei. Tutti i linfonofi sono di tipo reattivo.

Ho eseguito Y.G.T. , transaminasi GOT e GPT, creatinina, proteine totali, tutti nella norma.
Albumine 52.3
Rapporto A/G 1.10

Widal-Wright negativi

RX torace tutto nella norma

Durante queste analisi ho assunto per 10 giorni antiinfiammatori e 5 giorni antibiotico Augmentin.

I linfonodi non scompaiono, alcuni si sono riassorbiti quasi del tutto (almeno al tatto) nella parte destra del collo, a sinistra ci sono ancora, sotto l'ascella ne sono comparsi altri.
La stanchezza continua, qualcuno può dirmi cosa può essere? che esami fare? sono molto preoccupata.

Grazie

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Linfonodi reattivi sono molto frequenti in risposta, per esempio, a fatti di natura virale; ritengo non debba preoccuparsi, i linfonodi possono rimanere ingranditi anche per tempi lunghi. Faccia un periodico controllo
Un saluto

A. Baraldi