Utente 200XXX
Buonasera. Vi scrivo per esporvi un problema che mi porto avanti da parecchio tempo. Sono una ragazza di 25 anni e circa un anno fa mi sono accorta,per caso, di avere un linfonodo gonfio sotto la mandibola. Ho fatto un ecografia da cui sono risultati diversi linfonodi sottomandibolari e laterocervicali classificati reattivi. Qualche mese dopo ho rifatto l ecografia e i linfonodi sono risultati aumentati di numero e di volume(il piu grande circa 2 cm, questo 6 mesi fa). Ho iniziato a fare degli esami per vedere se si trattava di malattie tipo toxoplasmosi,mononucleosi,ecc. ma tutto negativo,ho solo scoperto di aver avuto la mononucleosi in passato. Ho fatto una visita dal dentista ma non dipende dai denti. Sono stata da un endocrinologo ma la tiroide non ha problemi. Di recente sono stata da un otorino che mi ha detto di avere le tonsille ingrossate ma dalle analisi non risultano infezioni e una faringite da reflusso gastroesofageo per la quale ho da poco iniziato una cura. Ho fatto dieci giorni fa le ananlisi del sangue per controllare emocromo e ves che sono nella norma e sono risultate alterate le immunoglobuline igA (limite massimo 360 e io le avevo a 399). Il mio medico curante dice di non preoccuparmi perche i valori sono nella norma e che questo valore non ha un aumento preoccupante ma io invece sono molto preoccupata e vorrei sapere perche questi linfonodi sono li e sto iniziando a pensare al peggio. Un amica di famiglia medico mi ha consigliato un ecografia dell addome e di effettuare un prelievo per la sottopopolazione linfocitaria. Secondo voi da cosa possono dipendere questi linfonodi? Ci sono altri esami di approfondimento che potrei fare? Mi scuso per la lunghezza del testo e in attesa di una vostra risposta vi porgo i miei saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Come eccesso di scrupolo farei una visita ematologica e poi non ci penserei più perchè quanto descrive giustifica la presenza di linfonodi reattivi che possono persistere ingrossati anche per periodi molto lunghi.

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-linfonodi-linfoghiandole-adenopatie-ed-sistema-linfatico.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 200XXX

Salve dott. Catania, la ringrazio per la sua celere risposta. Volevo chiederle,cosa in particolare seconde lei giustificherebbe i linfonodi? la cosa che mi preoccupa di piu è il fatto che sono aumentati nel tempo. Inoltre ho spesso dolori al petto e allo sterno (da ormai circa 3 anni)che mi hanno detto dipendono dal reflusso. Secondo lei dipendono davvero dal reflusso? inoltre volevo chiederle se con la sottopopolazione linfocitaria si vede la presenza di cose gravi (leucemie,tumori).Mi scusi se faccio tutte queste domande ma il mio medico tende a sminuire la cosa e io ho bisogno di chiarimenti. La ringrazio ancora infinatamente per la risposta che mi ha dato e quella che vorrà darmi.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dipendono probabilmente dal reflusso
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com