Utente
salve a tutti,
ho un problema che mi assale da tempo e chiederei il vostro aiuto.
E' corca un anno e' mezzo che soffro di nausea che si alterna a aria nella pancia,e movimenti di basso ventre.non ho forti bruciori di stomaco,ne diarrea.Solo nausea e inappetenza e a volte aria nella pancia che si sente ''muovere'' nel basso ventre.
Ho effetuato 2 visite gastroenterologiche dopo aver affettuato esami del sangue,celiachia e elico batter...
Il prim mi ha detto che e' solon irritabile e stress...ma n mi ha convinto per 2 motivi...la sua terapia cn valpinax e tubes colon nn ha avuto nessun beneficio...e poi se e' colon irritabile...alemno una dieta me la poteva fare....(visita pvt)
il secondo invece mi ha diagnosticato una dispepsia e gastroscopia(che nn ho fatto ancora)
A questo punto cosa pensate che sia giusto fare??mi chiedo una cosa...se il primo gastro mi ha disgnisticato ilcolon irritabile nn sarebe meglio fare una colonscopia???nn vorrei fare esami ''inutili'' dato che ho un po timore e sn molti invasivi...Da cosa potrebbero dipendere questi disturbi???

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La prego innanzitutto di attenersi alle linee guida e in particolare di "non utilizzare abbreviazioni, stile sms o chat (...) che potrebbero essere mal interpretati o non capiti da chi deve rispondere" (vedere https://www.medicitalia.it/consulti/linee-guida-consulto-online/#parte1 )
In linea teorica colonscopia e gastroscopia potrebbero essere utili entrambi, ma proprio perche' si tratta di esami particolarmente invasivi sarebbe bene limitarne l'utilizzo ai casi che veramente non possono farne a meno. Come gia' le e' stato risposto lunedi' scorso credo che sia il suo Curante a dover decidere se e quale fare: forse entrambi, forse nessuno... Noi pero', da qui, non possiamo darle una risposta definitiva.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
va bene,mi scusi per le abbreviazioni...
Lo so che la diagnosi a distanza e' impossibbile da fare...mi puo solo gentilmente dire quali sono le linee guida per prescrivere una gastroscopia e una colonscopia(secondo i sintomi)?
Poi solo un altra domanda...la nausea(dispepsia) con areofagia e perdita di peso ponderale in linee generali e' da studiare tramite una gastroscopia o una colonscopia????
grazie ancora...

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Se dovessi scriverle le linee guida per questi due esami servirebbero pagine e pagine! Comunque e' sufficiente che lei faccia una piccola ricerchetta su Internet e vedra' che trova tutto cio' che vuole. Del resto siamo qui per parlare del suo personale caso e non di indicazioni generiche. Vorrei pero' riportarle soltanto la linea guida principale, alla quale certamente tutti gli Endoscopisti si debbono attenere, e cioe' che l'esame va fatto solo se i risultati tornano utili alla diagnosi. Sembra banale ma non lo e': questo vuol dire per esempio che sottoporre il paziente ai rischi dell'esame solo per soddisfare curiosita' accademiche non va mai bene. Per ogni singolo caso invece l'Endoscopista deve valutare se davvero valga la pena di correre i suddetti rischi, e poi decidere di conseguenza.
In ultimo voglio segnalarle che per studiare una dispepsia si usa la gastroscopia solamente se si sospetta che sia un problema gastro-duodenale a causarla, altrimenti e' del tutto inutile.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente
capisco...e la ringrazio delle sue risposte,penso che lei sia anche uno dei medici di questo sito piu precisi nelle risposte e nutro molta fiducia in lei...A parte questo...il mio dubbio riguardo l'esame endoscopico e' dericato proprio da questo...cioe' la natura della dispepsia...che per il primo gastroenterologo era dovuta al colon irritabile il secondo invece...non sapendo la natura...ha voluto ''iniziare'' con una gastroscopia....La cosa che mi meraviglia e' che il primo gstroenterologo per fare una diagnosi di coon irritabile(almeno da quello che leggo)deve andare ad esclusione di altre patologie ''gravi'' attraverso esami...cosa che nn ha fatto...da qui i miei dubbi...e per non finire il secondo gastrenterologo mi ha prescritto la gastroscopia.
Capite ora il perche dei miei dubbi?????Secondo lei come mi dovrei muovere?grazie mille per la sua disponibilita'.

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La ringrazio per la stima.
Dispepsia comunque e' un termine piuttosto vago, che indica in realta' solo un aspecifico dolore in regione epigastrica: per tale motivo a volte (e sottolineo: a volte!) e' indicata una gastroscopia. Passando ad altro argomento c'e' da rilevare anche che spesso si arriva a parlare di Sindrome del Colon Irritabile solo quando non sono state riscontrate patologie piu' gravi: in questo senso e' dunque corretto dire che a tale punto spesso si arriva per esclusione. Come vede ci sono dunque ipotesi valide anche in quanto le ha detto il primo Gastroenterologo che ha consultato, e non solo in quanto le ha proposto il secondo.
Come procedere? Beh, e' una questione di fiducia... Voglio farle un esempio: se lei venisse accusato di furto si rivolgerebbe certamente ad un avvocato. Se ne consulta due, probabilmente le proporranno tecniche difensive diverse. Chi puo' dirle a priori chi ha ragione? Forse nessuno: deve fidarsi del professionista che le sembra piu' convincente. Mi scuso per il paragone, ma in realta' anche per il Gastroenterologo dovra' fare lo stesso, e cioe' seguire i consigli di chi le ispira maggiore fiducia.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#6]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
E voglio aggiungerle un'altra cosa: nessuno ci impedisce di pensare che lei abbia due problemi distinti: uno caratterizzato dalla dispepsia, l'atro riconducibile al Colon Irritabile. Nessuna delle due condizioni, purtroppo, esclude l'altra. Cio' non vuole certo dire che lei abbia davvero entrambe le cose, ma solo che non bisogna lasciare cadere un'ipotesi soltanto perche' se ne sta seguendo un'altra.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#7] dopo  
Utente
quindi con questo mi vuole dire che sarebbe sempre opportuno esguere euna gastroscpoia e una colonscopia :)......grazie ancora!

[#8]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Forse non riesco a spiegarmi: lei deve fidarsi dello Specialista che la segue, non puo' fidarsi di me. Ma questo non perche' io non sia capace di prendere una decisione, ma perche' non posso prenderla per una persona che non conosco! E comunque prima di fare indagini invasive non sarebbe meglio curare cio' che gia' e' piu' di un'ipotesi, cioe' la Sindrome del Colon Irritabile? Non le sembra che potrebbe almeno provare? Non ha nemmeno cominciato a curare cio' che ha... Se si trattasse di esami poco invasivi accontentarla sarebbe piu' facile, ma l'endoscopia e' una cosa seria: non si dovrebbe fare a cuor leggero e senza motivo!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#9] dopo  
Utente
certo...ma la diagnosi di colon irritabile nn mi convinse perche la cura che feci(valpinax + tubes colon) non ha sortito effetti...e dopo mesi di nausee decisi di cambiare gastroenterologo perce il primo era convinto(senza esami strumentali)della sua diagnosi...il secondo gatroenterologo invece subito mi ha diretto per una gastriscopia...capite adesso il mio dubbio??? :)
buona giornata e grazie ancora per le risposte...

[#10] dopo  
Utente
certo...ma la diagnosi di colon irritabile nn mi convinse perche la cura che feci(valpinax + tubes colon) non ha sortito effetti...e dopo mesi di nausee decisi di cambiare gastroenterologo perce il primo era convinto(senza esami strumentali)della sua diagnosi...il secondo gatroenterologo invece subito mi ha diretto per una gastriscopia...capite adesso il mio dubbio??? :)
buona giornata e grazie ancora per le risposte...

[#11]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
C'e' intanto da chiarire che "Colon Irritabile" non e' una diagnosi ma una sindrome, cioe' un'insieme di sintomi che non possono essere ricondotti, appunto, ad alcuna diagnosi.
Poi le ribadirei il concetto che, a mio parere, sia il primo che il secondo Gastroenterologo hanno fatto ipotesi probabilmente corrette: nulla toglie infatti, come le ho scritto piu' volte, che potrebbero avere ragione entrambi. Lei scelga la strada che le sembra piu' opportuna, ma non dimentichi, magari in un secondo momento, di pensare anche all'altra...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#12] dopo  
Utente
ma infatti Dr.Spina...mi domando..'colon irritabile' di solito si arriva per esclusioni di altre patologie tramite(spesso)esami strumentali...cosa che nn ha fatto il primo gastroenterologo...comunque la ringraio per tutto il tempo che avete speso per me...
Un ultima cosa...sarebbe utile effettueare dei test per intolleranze alimentari???

[#13]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
I test per le intolleranze ealimentari non danno certezze ma solo qualche indicazione di massima. Fanno eccezione quelli per il lattosio e la celiachia, che invece sono in grado di fornire risposte affidabili.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com