Utente 157XXX
Gentili dottori,
da più di un mese ormai accuso il seguente problema.
Premetto che quest'anno ho praticato il nuoto in piscina da ottobre a luglio, 3 volte a settimana e non ho mai avuto problemi.
Da luglio soffro di un fastidio molto scocciante. Non appena vado sotto sforzo, all'inizio dell'allenamento come durante lo stesso come altresì nella parte finale, avverto delle fitte al fianco destro che mi costringono a fermarmi immediatamente. Aspettando qualche minuto, sono in grado di ripartire ma sempre facendo attenzione.
Oltre alle fitte al fianco destro, durante tutto il giorno accusavo un senso di fastidio al fianco destro, in particolare nella parte subito sotto le coste di destra.
Questo mese, invece, il fastidio si è stabilizzato nella zona bassa di destra, in corrispondenza dell'appendice. Talvolta, avverto anche bruciore.
La settimana scorsa mi ha visitato il mio medico curante, il quale palpando tutto l'addome mi ha detto che ho il colon di destra piuttosto rigido, infiammato, mentre secondo lui l'appendice è ok. In effetti alla pressione non sentivo dolore.
Su suo invito mi sono sottoposto ad una ecografia all'addome, che ha appurato che fegato,colecisti,pancreas,reni e vie biliari sono tutti ok. Nulla mi ha potuto dire su colon e appendice.
Ho risentito il medico curante il quale mi ha detto di fare un pò di dieta per una decina di giorni, prendendo anche 2 pillole al giorno di duspatan (ho letto che è un medicinale per il trattamento del colon irritabile), per poi risentirci al termine di questi 10 giorni.
Premetto anche che sono un tipo sportivo, peso 68 kg e sono alto 1.79 cm.
Essendo piuttosto amareggiato per questo inconveniente che non mi permette di nuotare come vorrei, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi. Può essere appendicite per esempio nello stato iniziale? Come si può diagnosticare con più precisione? Che esami posso fare?
Grazie e Un caloroso saluto

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
L'ecografia ha escluso un patologia biliare mentre non può dire nulla sul colon (non essendo l'esame di riferimento) . Non prendo in considerazione il "colon infiammato" perchè non ci sono i sintomi. Il farmaco che le ha dato il medico è un antispastico e può provare se ha effetto. In caso contario valuterei una problematica di tipo muscolare/articolare.

Cordiali saluti
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 157XXX

Gentilissimo dottore, la ringrazio prima di tutto per la celere e cortese risposta.
Il medico che mi ha fatto l'ecografia mi ha anche detto che non ci sono lesioni muscolari nella parete addominale.
Mi chiedo , allora, qualora questo farmaco in aggiunta alla dieta per questa decina di giorni non dovesse darmi sollievo, in che modo potrei capire se trattasi di problematica di tipo articolare o anche muscolare? A chi rivolgermi?
Ma soprattutto, quali problematiche di questo tipo potrebbero causare il fastidio/bruciore/fitte che mi vengono in corrispondenza dell'appendice?
Saluti

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Poichè rifersice che il dolore si presenta quando è sotto sforzo è presumibile che possa dipendere dalla colonna verterbrale o dalle contrazioni muscolari. Credo quindi che valga la pena fare una consulenza ortopedica.

Saluti
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 157XXX

Gentile dottore, mi trovo costretto a chiederle un consiglio poichè il mio medico curante è fuori città (e lo sarà ancora per una settimana) ed io ho un bisogno piuttosto urgente di sapere se posso assumere antibiotici durante il trattamento che le ho descritto sopra, consistente cioè in dieta e duspatan per il colon.
E' da tre o quattro settimane infatti che sono raffreddatissimo, con tosse e naso chiuso. In più le secrezioni di catarro dal naso e dai bronchi contengono pezzetti verdi, quindi immagino vi sia un qualcosa di batterico in atto.
La ringrazio nuovamente.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
L'antibiotico non è controindicato con il farmaco che sta prendendo ma non ho certezza che abbia bisogno dell'antibiotico.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente 157XXX

Dopo circa 12 giorni di dieta e farmaco antispastico, le comunico che non è stato risolto il problema.
Certo, durante quel periodo i sintomi che accusavo posso dire che erano in qualche modo diminuiti un pò, ma non in maniera rilevante.
Sto continuando ugualmente la dieta, anche se da due giorni si sono manifestati altri sintomi, e soprattutto il bruciore - fastidio - senso di pesantezza al basso addome di destra si sono acuiti un pò.
In particolare, ho avuto difficoltà a digerire (acidità, ho dovuto prendere il malox), pancia gonfia (nonostante la dieta), rumori nella pancia continui (credo i succhi gastrici ma non ne sono sicuro) , un pò di stitichezza e comunque difficoltà a defecare, rigidità dell'addome in zona appendicite.
In più stamattina mi sono svegliato a causa del bruciore - fastidio in quella zona.
Che ne pensa? Cosa mi consiglia di fare?
Ad ogni modo di pomeriggio sentirò anche il medico curante.
Rinnovo i miei ringraziamenti ed i miei saluti.

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008


Gentilie signore,

mi scuso se non ho risposto alla sua ultima richiesta che, evidentemente, mi è sfuggita. Come le avevo detto precendentemente è bene escludere una problematica muscolo-scheletrica in considerazione di quanto ha esposto:

<< Non appena vado sotto sforzo, all'inizio dell'allenamento come durante lo stesso come altresì nella parte finale, avverto delle fitte al fianco destro che mi costringono a fermarmi immediatamente. Aspettando qualche minuto, sono in grado di ripartire ma sempre facendo attenzion <<

Successivamente si può prendere in considerazione la "sindrome dell'intestino irritabile" su cui le allego una nota al link:

http://www.endoscopiadigestiva.it/spaw2/uploads/files/Sindrome%20dell%27intestino%20irritabile.pdf


Un cordiale saluto

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it