Utente 237XXX
Salve, sono il papà di un bambino di due anni e mezzo che da circa 3 mesi presenta sangue rosso vivo nelle feci e a vote pochi grumi di sangue misto alle feci. Il primo episodio si è verificato 6 mesi fa dopo diverse scariche di diarrea durata una settimana in seguito probabilmente ad una vacanza al mare in un villaggio turistico, poi per 2 mesi niente. Dopo una visita chi rurgica pediatrica che ha escluso ragadi anali e dopo l'analisi delle feci tutte negative, abbiamo eseguito una colonscopia:
Alvo regolare. Coprocolture negative.
Referto
All'ispezione non lesioni anali nè perianali.
La mucosa del sigma e del retto appare normoirrorata e finemente micronodulare senza soluzioni di continuo.
Conclusioni
L'esame endoscopico mette in evidenza una lieve proctosigmoidopatia nodulare.

ESAME ISTOPATOLOGICO
Nel retto mucosa di grosso intestino con iperplasia nodulare del tessuto linfoide mucosa-associato
Sigma normale

Abbiamo poi eseguito gli esami del sangue per la celiachia e rast per alimenti.
Da premette che già l'anno scorso avevamo fatto questi esami in quanto il bambino ha una scarsa crescita tra il 3° e il 10° percentile.
I risultati della celiachia erano negativi invece era risultato intollerante a latte e uova, quindi abbiamo eseguito una dieta. (il bimbo dopo lo svezzamento ha sempre più rifiutato il latte fino a non prenderlo più.)
Gli esami attuali invece sono risultati negativi per le intolleranze alimentari, mentre per la celiachia :
EMA negativo
anti-transglutaminasi Iga 11 U/ml maggiore di 10 positivo

Altri valori, Tranne il ferro che è basso, sono normali.
Il gastroenterologo ci ha consigliato di eseguire una gastroscopia per sospetta celiachia e nell'occasione di rifare la colonscopia in sedoanelgesia per andare a vedere più in alto con lo strumento.
Per quanto riguarda l'infiammazione del retto ci ha detto di non dare nulla al bambino perchè passa da sola.
Noi siamo un pò preoccupati e non vorremmo ripetere l'esame endoscopico anche perchè il bimbo al risveglio ha avuto delle reazioni molto forti.
Il nostro pediata ci ha consigliato delle fiale TRANEX e comunque ci ha detto che se continua ancora bisogna indagare anche se non pensa che una possibile celiachia possa dare questi sintomi.
Ci potete dare qualche consiglio?


[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
concordo con l'opinione espressa dal suo pediatra: non mi sembra che la sintomatologia esposta indirizzi verso la malattia celiaca. La presenza di sangue nelle feci, in assenza di evidente provenienza dal retto è indicazione per la colonscopia completa.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente 237XXX

Gentile dottore,
un medico di nostra conoscenza ci ha consigliato di fare 2 settimane di dieta senza lattosio e vedere se passa, perchè pensa che l'allergia al latte può dare questi problemi, intanto questa mattina abbiamo eseguito il prick test per proteine del latte vaccino che è risultato negativo. E' possibile che il bimbo sia allergico al lattosio anche se Rast e Prick sono negativi? Comnque abbiamo nell'ultimo anno fatto una dieta senza latte e uova, rigida al nido, qualche concessione a casa tipo parmiggiano sulla pasta. Ci sono altri esami per vedere le allergie?
Ci sono esami meno invasivi per poter fare una diagnosi?
Grazie per la risposta.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
forse c'è un po' di confusione nella gestione della problematica clinica.
L'allergia al latte (e derivati) riguarda le proteine, ha manifestazioni cliniche differenti da quelle esposte, si manifesta di solito nel primo anno di vita, e la negatività del test la esclude; l'intolleranza (che non è allergia) al lattosio non è un fenomeno allergico e riguarda la incapacità a digerire questo zucchero per un deficit enzimatico ed è raro prima dei 5-6 anni. La celiachia è una intolleranza al glutine, non ha relazione con il latte, sembra poco probabile nel suo caso e può essere utile, per escluderla definitivamente, praticare un test genetico.

Nella sua richiesta ha segnalato che il bimbo <<da circa 3 mesi presenta sangue rosso vivo nelle feci e a vote pochi grumi di sangue misto alle feci>>. Se la situazione è tutt'ora questa (presenza di sangue nelle feci), è necessaria la colonscopia. Se, invece, questo sintomo non è più presente da tempo, è ragionevole una terapia di attesa dietetica come quella proposta per verificare la crescita di peso.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#4] dopo  
Utente 237XXX

Grazie per la risposta dottore,
la situazione è ancora presente, i miei dubbi nel ripetere la colonscopia è che il bimbo ha vissuto una esperienza traumatica forse perchè l'anestesia era leggera e adesso quando vede un medico incomincia ad innervosirsi e a piangere , anche di notte adesso fa brutti sogni e a volte urla(ha fatto anche diverse visite e analisi prima della colonscopia).
Cordiali saluti