Utente 241XXX
Buon giorno
mi capita da un anno di avere feci galleggianti a periodi intermittenti, Le feci galleggianti sono copiose, formate e di colore canonico.
Ho fatto dei test di intolleranza e nulla è uscito.

La mia storia gastrica è storia di diversi anni (ho 30 anni) , evacuazioni frequenti, aria intensa, pochi dolori addominali.
Da un annetto si sono aggiunte le feci galleggianti a tratti (ricordo d'estate e qualche periodo invernale) e qualche dolore alla bocca dello stomaco.

Il mio medico mi ha dato l'omeoprazolo che mi ha limitato la produzione d'aria.
Ma le feci continuano a galleggiare...

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
credo che valga la pena di iniziare a comprendere se lei ha un Colon Irritabile o qualche problema digestivo.
Inizi con una routine sierologica + esame completo delle feci.
Le voglio poi dire che l'omeprazolo non "limita la produzione di aria" semmai il contrario.
Le consiglio di rivolgersi da un buon gastroenterologo per un corretto inquadramento dei suoi problemi digestivi.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 241XXX

Grazie Dr. Quatraro per la risposta, gentilissimo.

Ho fatto tantissime analisi: analisi sangue di tutti i tipi comprese intolleranze (positivo colesterolo abb. alto), esami di ogni tipo sulle feci(sangue, salmonelle, cibi indigeriti...), numerose ecografie nulla è comparso.
Mi hanno congedato con una sindrome da colon irritabile, che potrebbe concordare con i problemi di "pancia" che ho avuto fin da piccino.
Ho sempre sofferto di cattiva digestione, aria in quantità enorme, reflusso sporadico, alito pesante e soventi evacuazioni.

L'omeoprazolo, come le dicevo, mi ha aiutato tantissimo con l'aria in eccesso.
Ho letto che l'omeoprazolo è utilizzato anche in casi di gastrite.

Le chiedo caro Dottore, secondo lei, come devo procedere alla luce dei mille controlli a esito negativo, l'uso fortunato dell'omeoprazolo, le feci galleggianti a tratti, nessuna febbre, nessun dimagrimento eccessivo.

La ringrazio tanto per il suo tempo che mi dedica, Alessandro

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Le rispondo subito,
probabilmente la sua potrebbe essere la "Sindrome dell'intestino irritabile con diarrea prevalente" dove l'alvo è caratterizzato da feci molli, non formate, in una percentuale superiore al 25% delle defecazioni.
La causa è legata all'iperperistaltismo (= accellerazione della normale motilità intestinale).
L'omeprazolo può esserle di aiuto per i suoi eventuali problemi gastro-esofagei.
Se ritiene le consiglierei di effettuare l'RX-Clisma opaco d.c. che potrebbe validare la diagnosi.
Mi faccia sapere.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 241XXX

Buon giorno la aggiorno sulle mie condizioni.
Ho dolori al ventre destro e al ventre in genere.
Feci galleggianti prevalentemente di color marrone/marrone non scurissime di consistenza normale, non diarreiche.
Ho fatto analisi e analisi sulle feci di cui le riporterò le risposte appen le ricevo.
Sono leggermente dimagrito. Omeoprazolo sospeso a detta del medico specialista.


[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Va bene così,

aspetto l'aggiornamento.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente 241XXX

Dottore, le pongo una questione che ai molti esenti da problemi gastrointestinale potrà sembrare ludica, ma che ai fini del mio problema è assai importante. Mi sento spesso chiedere: "ma le sue feci sono chiare?" Con l'aggettivo chiare che cosa si intende, che colore.

[#7] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Le rispondo subito,
il colore delle feci varia dal marrone chiaro al marrone scuro.
Questa pigmentazione è legata alla presenza nelle feci di residui biliari sfuggiti al riassorbimento intestinale e metabolizzati dalla flora locale.

Nonostante il colore delle feci sia influenzato dalle abitudini alimentari, un'eventuale anomalia cromatica può essere dovuta anche a condizioni morbose.
Per questo, qualora l'alterazione non sia attribuibile a particolari modificazioni dietetiche o si accompagni ad altri sintomi - come diarrea, stitichezza, dolori addominali, etc. - è importante segnalarlo prontamente al proprio medico.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente 241XXX

Caro Dottor Quatraro grazie per la sua cortesia e disponibilità, desideravo aggiornarla sugli sviluppi della mia indagine medica:
Le analisi del sangue sono tutte nella norma,Tra gli esami ci sono emocromo generale, esami specifici pancreas, fegato e tutte risultano nella norma.
L'eco addome completo non ha rilevato nessun tipo di problema agli organi visibili con questo strumento.
Rimangono le analisi delle feci che arriveranno in settimana. di cui riporterò l'esito appena ricevuto.
Grazie Alessandro


[#9] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Restiamo in attesa delle sue risposte

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#10] dopo  
Utente 241XXX

Caro Dottore, la aggiorno con i risultati sui 3 campioni di feci che risultano regolari per tutti gli esami tranne che per il valore amidi che definisce "lievemente aumentati".

Cosa può significare e come procedo nello studio del mio intestino difficoltoso?

[#11] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Lei ha detto,
<<Ho sempre sofferto di cattiva digestione>>

e parlato di,
<<evacuazioni frequenti>>,

motivi che potrebbero essere responsabili di questa quantità, oltretutto "lievemente" aumentata, di amidi fecali.

Con tranquillità si relazioni allo specialista che la sta seguendo.

Le auguro serenità.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12] dopo  
Utente 241XXX

Salve Dottore, la aggiorno sui miei esami, sperando che siano anche da ausilio a chi come me ha simili problemi .
In questi ultimi due gg ho fatto test lattulosio, lattosio e breath test.
Per i primi due ho la risposta: negativi , però al limite del positivo.
Mi ha detto il medico del reparto che potrebbe trattarsi di un caso di SIBO.
Attendo il breath test. Le faccio sapere appena la ricevo.
La ringrazio per la sua estrema gentilezza e disponibilità.

[#13] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Si figuri.

Auguri per la Santa Pasqua.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#14] dopo  
Utente 241XXX

Eccomi Dottore
Elicobacter negativo a sua volta.

Si sono aggiunti sintomi quale un vuoto nello stomaco, dolori alla bocca dello stomaco e altre zone intestino, e senso di nausea.

che ne pensa? Grazie dottore.

[#15] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Continuo a prediligere l'ipotesi dell'intestino irritabile.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it